ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Allergici si nasce o si diventa?

Come si può sapere se un bambino è allergico? E se è atopico, come si fa a prevenire l'insorgenza di allergie?

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Ho una bambina di 16 mesi che recentemente ha contratto una forma asmatica che il nostro pediatra ha diagnosticato di origine allergica (pollini, polveri etc.). Ho letto le risposte precedenti riguardanti l'allergia e sono rimasto confuso su un punto fondamentale: i soggetti predisposti verso l'allergia hanno scritto dentro (geneticamente o altrimenti) a che cosa sono allergici, e quindi si tratta di trovare (per tentativi o con diagnostica) le sostanze incriminate, oppure è vero che l'esposizione, soprattutto precoce, a certe sostanze provoca o facilita la creazione di una situazione allergica che poi magari perdura per tutta la vita? In altre parole, è meglio evitare ogni rischio (per esempio non portando la bambina in campagna alla fioritura ed alla mietitura, quindi praticamente sempre) oppure è sufficiente prendere contromisure rapide non appena si manifestano i sintomi?

Bella domanda, che ci permette di dare una risposta su due livelli: scientifico e pratico. Dal punto di vista scientifico, l'allergia è un modo esagerato di reagire a stimoli e sostanze che alla maggior parte delle persone non creano alcun problema. L'atopia è la predisposizione a sviluppare allergia, cioè uno stato costituzionale (diciamo genetico, anche se con meccanismo non semplice) che prima o poi nella vita porterà il soggetto ad essere allergico. In queste definizioni è contenuta, in fondo, la risposta: un atopico non sa a quali sostanze (pollini, acari della polvere, alimenti, muffe, animali, ecc.) diventerà allergico, né quando lo diventerà, né con che sintomi si manifesterà l'allergia (asma, eczema, orticaria, rino-congiuntivite, colite, shock, ecc.), ma certamente prima o poi qualche problema lo avrà.

Detto questo, il problema si sposta sul piano pratico, con due questioni: come si fa a sapere se un bambino è atopico? se è atopico, come si fa a prevenire l'insorgenza di allergie? Nessuna delle due domande ha ancora una risposta certa. Attualmente si considera a rischio un bambino che nasca da una famiglia di allergici, con probabilità sempre maggiori a seconda che sia allergico uno solo dei genitori o entrambi o anche un fratello. La certezza si ha però soltanto alla comparsa dei primi sintomi, ai quali di solito seguono alcuni accertamenti (prove allergiche) che risolvono il dubbio. Per inciso, la sintomatologia asmatica a 16 mesi potrebbe anche non essere legata ad allergia, ma dipendere da una esagerata sensibilità bronchiale; in questo caso, con il passare degli anni il problema si attenuerà.

Per quanto riguarda la prevenzione, effettivamente si raccomanda di evitare l'esposizione eccessiva agli allergeni (sostanze allergizzanti) più comuni, in quanto più è precoce il contatto, maggiore è il rischio di sensibilizzazione. In questo senso, si tende a ritardare l'introduzione di alcuni alimenti (latte, uovo), a mantenere un ambiente il più possibile libero da acari (materassi, cuscini e coperte in materiale sintetico, uso accurato dell'aspirapolvere, poche suppellettili, ecc.), a non tenere animali in casa. Altro discorso sono i pollini: è evidentemente impossibile evitarli, a meno di confinarsi in casa (cosa assolutamente non raccomandabile). Non dimentichiamo, poi, l'effetto dannoso del fumo di sigaretta (da bandire in casa di un allergico o, peggio ancora, di un asmatico) e degli inquinanti ambientali.

1/2/1997

24/7/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allergici si nasce o si diventa?"

Come si eredita il favismo?
Il favismo è una malattia ereditaria a rischio di grave crisi di anemia se il malato mangia delle fave.
Ernia iatale e reflusso gastroesofageo
L'ernia iatale è di solito congenita nei bambini ed è frequentemente associata a reflusso gastro-esofageo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si prepara il latte artificiale
Come evitare gli errori più comuni nella preparazione del latte artificiale.
Domande e risposte sulla flora intestinale dei bambini
Una serie di risposte a domande concernenti le alterazioni della flora intestinale e l'uso dei probiotici.
Toxoplasmosi in gravidanza: gli alimenti da evitare
I consigli del ginecologo su alimentazione, cibi e norme igieniche da seguire per evitare il contagio della toxoplasmosi in gravidanza.
Crescita a scatti
Si parla di crescita "a impulsi" proprio per intendere che viene a mancare quella regolarità caratteristica dei primi mesi.
I sintomi della dentizione nei neonati
La dentizione nei neonati è anticipata da alcuni sintomi. Molto spesso è causa di irritazione delle gengive dei neonati.

Quiz della settimana

In media qual è l'altezza di un maschietto al compimento dei due anni di vita?
80-81 cm
83-84 cm
87-88 cm
90-91 cm