ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Come si eredita il favismo?

Il favismo è una forma di grave anemia diffusa in Italia soprattutto nel Sud e nelle isole, causata dall’ingestione di fave (Vicia faba) e di alcuni farmaci.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Come si eredita il favismo? E' possibile che un padre che ha il favismo e una madre che invece non lo ha trasmettano la malattia a una figlia femmina? Mia figlia ha avuto una crisi emolitica: sarà stato per questo motivo?

La questione è complessa, ma spiegabile. Anzitutto va detto che il favismo è una malattia ereditaria, in cui la carenza di un enzima (detto glucoso-6-fosfato deidrogenasi o G-6-PD) espone al rischio di grave crisi di anemia se il malato mangia delle fave o semplicemente ne inala il polline; sono descritti anche casi scatenati da farmaci. fave favismoL'anemia può essere grave al punto di eliminare il 50% dei globuli rossi circolanti e richiede trasfusioni di sangue.

Per quanto riguarda l'ereditarietà del favismo, essa si definisce come X-recessiva. Cosa significa? Significa che il gene malato è situato sul cromosoma X, cioè su uno dei due cromosomi sessuali. Siccome il maschio ha un solo cromosoma X (si dice cariotipo XY), se questo unico cromosoma è portatore del gene malato il poveretto avrà la malattia. Nella femmina, invece, i cromosomi X sono due (cariotipo XX) e quindi, se anche uno dei due è portatore del gene malato, quello sano farà produrre abbastanza enzima da evitare la malattia. In generale, dunque, sono i maschi a correre il rischio della malattia.

Il tutto, però, è complicato da una teoria (detta "ipotesi di Mary Lyon"), che dice che nella femmina uno dei due cromosomi X è inattivo e l'inattivazione avviene a caso durante il periodo embrionale. Ne consegue, quindi, che se va male (cioè se viene disattivato il cromosoma X buono e viene attivato quello malato), c'è la possibilità di avere crisi di favismo anche nelle femmine.

1/6/1997

4/8/2014

I commenti dei lettori

Ma non potrebbe essere che la madre è portatrice sana e che ha trasmesso l'X con il difetto alla figlia? che quindi ha tutte e due le X con il difetto e manifesta la malattia? ciao Mario

MARIO (CS) 02/04/2011

Buon giorno sono mamma di Giulia una splendida bimba (anzi quasi ragazza direi) di 11 anni. Il suo papa' e' fabico e la pediatra mi ha detto che Giulia probabilmente sarebbe stata fabica. Fino a circa 2 anni fa nei risulatati delle analisi non si riscontravano segni della carenza dell'enzima.. Ora la "bestia" si e' fatta viva...Spero solo di non dover mai ricorrere a cure estreme come le trasfusioni!!! Che angoscia!!!

Naomi (CA) 04/05/2011

buona sera mi chiamo rita e da "buona sarda" sono fabica. all'eta di 6 anni ho avuto la mia prima crisi emolitica con conseguente trasfusione di sangue data la gravità (i miei dicono di avermi ripreso per i capelli). per i seguenti 2 anni ho curato l'anemia. a 27 la seconda crisi molto più leggera curata con iniezioni di ferro. ero stata a contatto con le piante delle fave, pericoloso per me più che ingerirle tanto che su mia richiesta e dopo dovuta informazione presso l'universita ospedaliera di firenze, il sindaco del mio comune di residenza, ha emesso l'ordinanza che: nel raggio di 500 metri dalla mia abitazione vietava la piantagione delle piante di fave. lo stesso fece a suo tempo il sindaco di ploaghe (ss) paese da cui provengo e dove risiede ancora parte della mia famiglia. se stiamo attenti non ci sono particolari problemi è peggio da tenere sotto controllo il diabete mellito di cui sono affetta da 13 anni quando aspettavo mia figlia, alla quale ho trasmesso, e visto che siamo geneticamente uguali, ora siamo dietro a ricercare nel suo organismo anche questa deficienza

rita (PT) 29/10/2012

ho 2 figli fabici, uno non mangia fave ne piselli, l'altro mangiava fave cotte,non e successo mai niente.e' possibile in futuro avere un attacco di favismo? grazie x la risposta.

giovanna (RO) 28/02/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Come si eredita il favismo?"

Favismo
Il favismo è una anemia emolitica acuta dovuta in genere all'ingestione di fave o all'inalazione del polline della pianta della fava.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Non si stacca mai dal ciuccio e dalla sua coperta
Come posso rendere indipendente il mio bambino dal suo ciuccio e dalla sua coperta? I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte