ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Nitrati nell'acqua di rubinetto

La normativa italiana fissa nell'acqua di rubinetto una concentrazione massima ammissibile per i nitrati di 50 mg/l. Per l'infanzia il limite consigliato è inferiore 10 mg/l.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Nell'asilo nido/materna di mio figlio di recente hanno cominciato ad utilizzare acqua di rubinetto ai pasti, in sostituzione della minerale. Dall'analisi dell'acquedotto risulta però che nel nostro comune l'acqua pur essendo potabile, è molto dura (34°F) e contiene una quantità non trascurabile di nitrati (34.07 mg/l).  Le maestre sostengono che l'acqua minerale è comunque meno controllata e soggetta a contaminazioni e che in questo modo si ha un comportamento ecologicamente più compatibile, tuttavia la cancerogenicità dei nitrati è indubbia e nelle acque minerali destinate all'infanzia mi sembra che il valore limite sia pari a 10 mg/l.

I nitrati presenti nelle acque sono principalmente imputabili all'azione dei fertilizzanti azotati usati in agricoltura che percolano nel terreno attraverso l'azione della pioggia e raggiungono le falde acquifere.

La normativa italiana fissa per le acque potabili una Concentrazione Massima Ammissibile per i nitrati di 50 mg/l. I limiti di legge sono calcolati  solo su individui adulti e non su bambini: per l’infanzia il limite consigliato è inferiore 10 mg/l.

La tossicità del nitrato per l’uomo deriva dalla sua riduzione a nitrito. Il principale effetto biologico del nitrito sull’uomo è la trasformazione dell’emoglobina nel sangue in metaemoglobina che non è più in grado di trasportare ossigeno ai tessuti. I bambini piccoli e le donne in gravidanza sono più sensibili alla formazione di metaemoglobina.

Molti studi hanno correlato elevate assunzioni di nitrati con l’insorgenza di tumori. Nel suo caso sarebbe importante poter valutare nell’acqua la presenza e la quantità di altri possibili inquinanti come metalli pesanti (cadmio, piombo), idrocarburi, pesticidi, diossine.. che aumentano il rischio per la salute, in particolare per quella dei bambini, attraverso il cosiddetto effetto cocktail.

3/4/2013

24/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Nitrati nell'acqua di rubinetto"

Acque minerali e latte in polvere
Acque minerali e residuo fisso. Cosa bisogna verificare per la diluizione del latte in polvere.
L'acqua in gravidanza
L'acqua in gravidanza viene trattenuta nei tessuti provocando spesso gonfiori e aumento di peso. Si tratta, però, di disturbi lievi che si superano facilmente.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo