ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

L'antistaminico prescritto gli provoca sonnolenza

L'antistaminico gli provoca sonnolenza. Potrà usare un nuovo tipo che non gli dà questi effetti collaterali?

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Posso usare per mio figlio un nuovo antistaminico? Mio figlio di quattro anni è allergico alla parietaria ed in questo periodo manifesta prurito e forte arrossamento degli occhi. Gli è stato prescritto come antistaminico lo … (N.d.R.: nome commerciale della Cetirizina) che però gli provoca una notevole sonnolenza. Ho letto di un recente nuovo antistaminico, l' … (N.d.R.: nome commerciale della Desloratadina) che risulta essere particolarmente indicato per i bambini perché non induce sonnolenza. Vorrei avere un vostro parere in merito.

La molecola Cetirizina è un antistaminico che annovera tra i suoi effetti collaterali, come la maggior parte di questa classe di farmaci, la sonnolenza. È un effetto collaterale innocuo, che però in alcuni casi può essere fastidioso. La Desloratadina è una molecola di recente preparazione e che presenta minori effetti collaterali, soprattutto minore sonnolenza e rallentamento dei riflessi.

Lo svantaggio è che non può ancora essere somministrata a bambini in tenera età, come il suo. Una molecola più vecchia della Desloratadina, ma che comunque induce meno sonnolenza della Cetirizina è la Loratadina. Di questa molecola esiste la formulazione in sciroppo o compresse effervescenti, facilmente somministrabili ai bambini. Ne parli con il suo pediatra, che valuterà l'opportunità di tale alternativa.

15/10/2003

27/4/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "L'antistaminico prescritto gli provoca sonnolenza"

Allergia alla Parietaria
I sintomi allergici causati dalla parietaria sono: starnuti, ostruzione nasale, rinorrea acquosa, prurito nasale, sintomi oculari come prurito, lacrimazione e f
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana