ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Partners

aziende utili

Farmaci mucolitici

I farmaci mucolitici sono sostanze che vengono somministrate per fluidificare le secrezioni bronchiali e delle prime vie respiratorie.

Spesso, in caso di tosse, si rivela valido l’uso di farmaci mucolitici: si tratta di sostanze che vengono somministrate per fluidificare le secrezioni bronchiali e delle prime vie respiratorie, in particolare quando esse siano dense e vischiose e quindi non facilmente rimuovibili attraverso i fisiologici meccanismi di eliminazione del muco, come il movimento delle ciglia vibratili della mucosa respiratorie e il riflesso della tosse.

I mucolitici, a secondo della molecola da cui sono costituiti, funzionano con meccanismi diversi: alcuni agiscono direttamente sul catarro rompendo i legami tra le varie proteine che compongono il muco mentre altri ne modificano le caratteristiche aumentando il contenuto di acqua. Lo scopo finale è quello rendere più facile l’eliminazione del catarro attraverso l’espettorazione.

Tra i mucolitici va segnalato che il sobrerolo è capace di aumentare il volume dell’espettorato e di trasformare la consistenza dell’escreato riducendone la viscosità e favorendo la scomparsa della tosse.

Solo quando la tosse persiste a lungo, diciamo più di 10 giorni, soprattutto se associata a una secrezione purulenta dal naso, e quando è molto disturbante per il bambino va presa in considerazione la possibilità di trattare l’infezione con una terapia antibiotica.

6/11/2012

10/4/2016