ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Viaggia con noi

la tua vacanza felice con MAMMAePAPA.it

Il Museo del gioco di Bari

L'originale allestimento espone i giochi in carrozzoni ambulanti.

Il Museo del gioco e e del giocattolo di Bari, che fa parte della Città dei Ragazzi insieme all'Atelier delle Arti e alla Biblioteca dei Ragazzi, è ospitato in un'ala dell'ex stadio di calcio della Vittoria, di inizio Novecento, e raccoglie balocchi di ogni genere ed epoca.
L'originale allestimento espone i giochi in carrozzoni ambulanti. Si parte con i giocattoli di costruzione diretta, quelli, cioè, fabbricati con materiali riciclati dai bambini da soli o con l'aiuto degli adulti. I balocchi esposti sono fedeli agli originali, ricostruiti sui ricordi e l'esperienza degli anziani. Si trovano monopattini in legno, carretti, cavallucci su asta, fucili a molla, comete (gli aquiloni tipici di Polignano a Mare fatti di canne e carta velina), fionde, palle di pezza, archi ricavati dai ferri di vecchi ombrelli, pupe, trampoli a buatta (scatole di latta cilindriche) o a bastone… Tutti giochi legati alla cultura contadina o marinara diffusi tra il popolo e usati fino agli anni Cinquanta fino all'avvento della plastica. Un altro carrozzone trasporta i giocattoli della tradizione artigianale pugliese, costruiti dagli adulti per i bambini, per esempio dai fabbri o dai falegnami con gli scarti del lavoro di bottega.

Ci sono trottole, pupu, carretti della Quaresima fatti di fascine da incendiare durante la processione del Venerdì Santo. Il carro dei giocattoli poveri del Sud del mondo trasporta balocchi africani, indiani, messicani, brasiliani, detti "di discarica" perché ricavati con materiali trovati nei rifiuti, come stoffe, candele d'auto, lampadine fulminate. Infine, ecco i giochi d'epoca, da metà Ottocento agli anni Sessanta: marionette in gesso, macchine e giostrine a corda, trottole, pentoline in rame, cucinette, un fucile a baionetta, una fambula, cioè un burattino con il volto di cappuccetto rosso da un lato e quello della nonna dall'altro e sul retro il lupo.
L'ultima sezione del museo è dedicata ai giochi ottici e pre-cinematografici ospitati sotto un tendone che ricorda quelli delle antiche fiere di paese. La collezione di movie macchine, strumenti con cui si consumarono i primi tentativi di movimentare i disegni, conta macchine in parte ricostruite sulla base di otiginali ottocenteschi. Ci sono la ruota di Farday, lo stroboscopio e una lanterna magica del 1880. Tra i giochi ottici, il caleidoscopio, i dischi cromatici, l'ologramma.

Notizie utili

La Città dei Ragazzi è all'Arena della Vittoria, tel. 080.502.309.0. Orario: lunedì e giovedì, 15/18, martedì e venerdì, 9.30/12.30, domenica, 10/13.

Come andare:

A Bari si arriva dal nord con l'autostrada A/14 e da Taranto con la A/10.

 

16/9/2009

16/9/2009

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Il ciuccio per il neonato
Il ciuccio può essere utile per tranquillizzare il neonato, anche se, soprattutto nelle prime settimane, potrebbe ostacolare l'allattamento al seno.
Mandarlo in una scuola all'estero
E' piccolo: una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue, ma la famiglia sarebbe costretta a dividersi.
Sindrome di Prader-Willy
La sindrome di Prader-Willy è una malattia complessa la cui incidenza è stimata di circa 1: 10000-25000 nati con una prevalenza dei maschi sulle femmine (2:1).
Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica