Per la grande parte degli eventi sportivi i carboidrati, soprattutto quelli complessi o amidi (pane, pasta, patate, riso, prodotti da forno e cereali in genere), rappresentano sicuramente la fonte di energia principale. Di conseguenza il giovane che deve partecipare ad una gara dovrà scegliere, nelle ventiquattro ore che precedono l'impegno atletico, questo tipo di alimenti affinché sia possibile garantire la massima concentrazione possibile di glicogeno (che rappresenta l'unica forma di deposito di carboidrati nell'organismo umano) sia nei muscoli che nel fegato.

L'alimentazione nel giorno della gara sarà stabilita in funzione dell'orario di inizio dell'impegno sportivo, mantenendo tuttavia sempre valido il principio di non praticare mai l'attività sportiva dopo un periodo di digiuno troppo lungo né, tanto meno, immediatamente dopo un pasto troppo abbondante. È opportuno che il giovane sportivo si abitui, fin dalle sue prime esperienze "agonistiche", a consumare l'ultimo pasto almeno due o tre ore prima dell'inizio della gara, scegliendo alimenti a prevalente contenuto di zuccheri complessi. Nel periodo di tempo che precede l'inizio della prestazione sportiva il giovane sportivo potrà sorseggiare ogni tanto una bevanda a bassa concentrazione di zuccheri (6 - 10%) e, qualora avvertisse la sensazione di fame, potrà consumare anche qualche fetta biscottata o qualche biscotto secco al fine di prevenire eventuali cali della glicemia che potrebbero ridurre la sua capacità di prestazione sportiva.

Altro su: "Alimentazione nei giorni di gara"

Esercizi per scoliosi nei bambini
Gli esercizi consigliati dal fisiatra per la scoliosi nei bambini.
Ginnastica artistica e sviluppo fisico
L'attività motoria nelle sue varie specialità (come la ginnastica artistica in età pre-puberale) deve essere praticata nel rigoroso rispetto dei tempi.
Malattia di Osgood-Schlatter
La Malattia di Osgood-Schlatter è una malattia del ginocchio, in cui il dolore si localizza sotto la rotula, all'inizio della tibia.
A sei anni non vuole fare nessuno sport
L'attività motoria, soprattutto verso i sei anni, deve avere un carattere essenzialmente ludico. Come convincerlo a fare sport?
Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Come curare una scoliosi
Le hanno diagnosticato una scoliosi inferiore ai 20 gradi. Si può praticare uno sport per migliorare questa situazione? Il parere dell'ortopedico.