Dove si trova

L'acido folico (vitamina B9) è idrosolubile cioè si scioglie in acqua; si trova in abbondanza in alcuni alimenti come le verdure a foglia verde (spinaci, broccoli, asparagi, lattuga), la frutta (limoni, kiwi, fragole, arance, noci), i legumi (fagioli, piselli, soia), il fegato e il lievito di birra; anche il latte materno ne è ricco.

L’acido folico si trova anche in alcuni tipi di carne, soprattutto frattaglie. Bisogna tenere presente che questa vitamina è poco stabile se sottoposta a elevate fonti di calore (viene distrutta con la cottura) e alla luce (i cibi che la contengono vanno conservati in modo che non siano esposti al sole diretto).

A che cosa serve

E’ essenziale per molte importanti attività metaboliche necessarie per la maturazione e la moltiplicazione delle cellule, in particolare dei globuli rossi.

Che cosa succede se manca

Può causare un ritardo di crescita e una glossite, cioè una infiammazione della lingua; è la causa più frequente di un tipo particolare di anemia, chiamata megaloblastica nel lattante e nel bambino.

Le cause più frequenti sono:

  • ridotto apporto: alimentazione del lattante con latte di capra (estremamente povero di acido folico), alimentazione prevalente con cibi sottoposti ad alte temperature
  • ridotto assorbimento: celiachia e altre malattie che causano malassorbimento intestinale
  • eccessivo consumo da parte dei batteri intestinali
  • aumentato fabbisogno: o gestanti, bambini nati prima del termine, bambini con anemie emolitiche, cioè anemie causate dalla distruzione dei globuli rossi o uso di medicine che contrastano l’azione dell’acido folico come alcuni farmaci contro le convulsioni e la tubercolosi

Un discorso a parte va fatto per le gestanti: infatti negli ultimi decenni l’acido folico è stato riconosciuto come essenziale per la prevenzione di alcune gravi malformazioni del sistema nervoso centrale del bambino che si possono originare nelle prime fasi della gravidanza:

  • anencefalia, cioè incompleto sviluppo del cervello
  • spina bifida cioè incompleta chiusura della spina dorsale, con alterazioni del midollo spinale

Durante la gravidanza il fabbisogno di questa vitamina aumenta perché il feto utilizza le riserve materne ed è quindi necessaria la supplementazione di acido folico alla futura mamma almeno per tutto il primo trimestre della gravidanza.

Altro su: "Acido folico in gravidanza"

La permanente ai capelli durante la gravidanza
Durante il corso della gravidanza è opportuno non tingersi i capelli. Si può ricorrere a tinture a base di sostanze vegetali come la camomilla o l'hennè.
Gestosi
Sotto la denominazione di gestosi si raggruppano tutte le malattie della gestante connesse alla situazione di gravidanza e alla sua evoluzione.
Sieropositività
Sieropositività genericamente significa avere incontrato un virus e avere sviluppato anticorpi.
Toxoplasmosi in gravidanza: sintomi e cure
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.
La seconda settimana di gravidanza
La seconda settimana di gravidanza: se desiderassi rimanere incinta, da questa settimana inizia l'epoca utile per il concepimento.
Consigli per una dieta bilanciata in gravidanza
L'aumento di peso consigliato è di circa 10 kg a fine gravidanza, che divengono 8 per la donna in sovrappeso e 12 per la paziente sottopeso.