Cosa succede alla mamma?

Se desiderassi rimanere incinta, da questa settimana inizia l'epoca utile per il concepimento. Siamo infatti nei giorni che precedono l'ovulazione: gli estrogeni preparano, all’interno dell’utero, un tessuto soffice e ben irrorato dal sangue e il progesterone predispone il tuo utero ad accogliere l’uovo fecondato, favorendo il rilassamento della parete muscolare in modo da bloccare le contrazioni ed impedire l’espulsione del prodotto del concepimento. Il periodo più propizio per concepire un figlio va dal 10° al 18° giorno dopo l’inizio dell’ultima mestruazione.

Cosa succede al bambino?

Non c'è ancora, ma manca poco! Al momento dell’ovulazione l’ovulo ormai maturo viene espulso dall’ovaio dentro le tube del Falloppio o salpingi, quei piccoli condotti che collegano l’ovaio all’utero. Nelle 12-24 ore successive, si verifica l’incontro con uno di quelle poche centinaia di spermatozoi che sono sopravvissuti nel lungo viaggio dalla vagina su per l’utero fino all’interno di una delle salpingi, e avviene la fecondazione dell’ovulo.
La cellula che si crea dall’unione, lo zigote, che già racchiude in sé tutto il patrimonio genetico del bambino che nascerà, immediatamente chiude la sua membrana esterna al resto degli altri spermatozoi.

Altro su: "La seconda settimana di gravidanza"

Fumare in gravidanza fa male?
Il fumo durante la gravidanza provoca una varietà di conseguenze sullo sviluppo del feto e del neonato.
Gestosi
Sotto la denominazione di gestosi si raggruppano tutte le malattie della gestante connesse alla situazione di gravidanza e alla sua evoluzione.
Epatite C in gravidanza
L'epatite C è provocata da un virus che è trasmesso attraverso il sangue o i rapporti sessuali, ma il contagio perinatale non è frequente.
Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
La permanente ai capelli durante la gravidanza
Durante il corso della gravidanza è opportuno non tingersi i capelli. Si può ricorrere a tinture a base di sostanze vegetali come la camomilla o l'hennè.
Toxoplasmosi in gravidanza: sintomi e cure
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.