Visitando il mio bambino di 15 mesi, la pediatra mi ha detto che ha i testicoli mobili, ovvero che non si sono ancora definitivamente insediati nello scroto. Si può considerare ciò criptorchidismo (N.d.R.: ritenzione di uno o ambedue i testicoli al di fuori dello scroto lungo la normale via di discesa che dall’addome, attraverso il canale inguinale, porta alla borsa scrotale)? Fino a quando devo aspettare che si assestino, e quando invece far visitare più accuratamente mio figlio?

Il fatto che il testicolo riesce a farsi vedere nello scroto, anche se tende a risalire, orienta la diagnosi verso il cosiddetto "testicolo in ascensore" (N.d.R.: testicolo reperibile ora nello scroto, ora nel canale inguinale in quanto eccessivamente mobile per un’eccessiva brevità del funicolo spermatico o per un’ipereccitabilità del muscolo cremasterico, quello che solleva il testicolo nella cavità addominale quando, ad esempio, fa molto freddo): un vero testicolo criptorchide difficilmente riesce ad essere condotto nello scroto e quindi dovrei dedurre che non si tratta assolutamente di criptorchidismo.

Questa situazione si corregge spontaneamente alla pubertà e non necessita di alcuna terapia. Considerando poi che il suo bambino ha solo 15 mesi, la sua pediatra ha tutto il tempo di controllare l'evoluzione e, se sarà necessario, potrà effettuare anche un trattamento (ma non penso sia il caso, se si tratta di un vero e proprio testicolo in ascensore) verso i quattro anni, che in genere viene fatto attraverso una terapia con spray nasale (N.d.R.: si somministra l’LHRH, un ormone ipotalamico che stimola la produzione di LH, un altro ormone che a sua volta favorisce la produzione di testosterone, l’ormone maschile che permette la discesa testicolare nello scroto).

Ma ripeto se è un testicolo mobile o cosiddetto "in ascensore" non dovrebbe fare niente e deve stare tranquilla.

Altro su: "Testicolo mobile nei bambini"

Testicolo ritenuto: come si opera?
L'intervento chirurgico di correzione del criptorchidismo (detto anche testicolo ritenuto) viene chiamato "orchidopessi".
Idrocele
L'idrocele consiste nell'ingrossamento di uno o di entrambi i testicoli. E' necessario l'intervento chirurgico.
Intervento per idrocele
A mio figlio è stato diagnosticato un idrocele sinistro e hanno consigliato l'intervento chirurgico. Quali sono i tempi di degenza?
Un testicolo che non scende
L'intervento chirurgico viene condotto in tutti i centri di chirurgia pediatrica in regime di day-hospital.
Varicocele
Il varicocele è una condizione collegata all'aumento di lunghezza e volume delle vene del testicolo.
Torsione del testicolo
Ha sofferto quest'anno di una torsione del testicolo. L'intervento chirurgico è quasi sempre necessario.