Vorrei informazioni riguardanti l'idrocele nei bambini (il mio ha quattro anni): se curabile o se bisogna obbligatoriamente intervenire chirurgicamente.

L'idrocele è l'accumulo di liquido nella tunica vaginale che circonda il testicolo. E' dovuto alla persistenza del dotto o processo peritoneale, un'estroflessione della parete del peritoneo (cioè di quella membrana che riveste le pareti delle cavità addominale e pelvica), già osservabile nell'embrione dalla 12° settimana, e che sporge attraverso l'anello inguinale interno: essa si allunga attraverso il canale inguinale per seguire la discesa del testicolo.

Dopo la nascita il processo peritoneale è destinato alla obliterazione e alla scomparsa: rimane soltanto la porzione che circonda il testicolo e che ne costituisce la cosiddetta tunica vaginale. L'idrocele si evidenzia come un gonfiore dello scroto senza alcun dolore. E' molto comune nel neonato, soprattutto nel prematuro, ed è spesso bilaterale.

Nel bambino più grandicello può comparire improvvisamente, ma spesso si presenta dopo una malattia infettiva virale, che comporta un aumento della quantità di liquido peritoneale. Il volume dell'idrocele può raggiungere considerevoli dimensioni, essendo minimo al mattino e aumentando molto alla sera nel paziente che ha già iniziato a tenere la posizione eretta: tale fenomeno è legato alla presenza di una comunicazione piuttosto ampia con la cavità peritoneale.

Quando è possibile palpare un testicolo normale e l'idrocele non si associa ad alcuna anormalità dei tessuti molli scrotali soprastanti, è più probabile che si tratti di idrocele semplice. Nel neonato è il risultato del liquido rimasto in quella posizione dopo la chiusura del dotto peritoneale. In questo caso l'idrocele viene semplicemente tenuto sotto osservazione: di solito il liquido si riassorbe entro il primo anno di vita o al massimo entro i 18 mesi.

Se invece si ha una storia evidente di variazioni di volume ed in particolare se l'idrocele è associato ad un ispessimento delle strutture del funicolo, allora la diagnosi è di idrocele comunicante: in questo caso, abitualmente, il processo peritoneale pervio non si chiude spontaneamente, anzi può allargarsi dando origine ad un'ernia. In questa circostanza il trattamento è chirurgico.

Altro su: "Idrocele"

Testicolo ritenuto: come si opera?
L'intervento chirurgico di correzione del criptorchidismo (detto anche testicolo ritenuto) viene chiamato "orchidopessi".
Torsione del testicolo
Ha sofferto quest'anno di una torsione del testicolo. L'intervento chirurgico è quasi sempre necessario.
Criptorchidismo
Per criptorchidismo si intende la mancata discesa nello scroto di uno o di entrambi i testicoli.
Varicocele
Il varicocele è una condizione collegata all'aumento di lunghezza e volume delle vene del testicolo.
Idrocele
L'idrocele consiste nell'ingrossamento di uno o di entrambi i testicoli. E' necessario l'intervento chirurgico.
Cisti del funicolo spermatico
La cisti del funicolo è dovuta ad una incompleta chiusura del dotto peritoneo-vaginale. Solo quando diventa voluminosa va considerato l'intervento.