Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Varicocele

Il varicocele è una condizione collegata all'aumento di lunghezza e volume delle vene del testicolo.

a cura di: Dott. Rodolfo Varani (pediatra)

È stato diagnosticato a mio figlio di 12 anni un varicocele di I° II° a sinistra. Vorrei sapere quali sono i rischi e quale è la terapia. Mi piacerebbe anche conoscere, per portarvi il bambino a visita, qualche centro in Italia particolarmente indicato.

Il varicocele è una condizione collegata all'aumento di lunghezza e di volume delle vene del testicolo e quindi stasi venosa (ristagno di sangue poco ossigenato e quindi scarsa nutrizione dei tessuti). Per avere un esempio più popolare si può pensare alle vene varicose che affliggono alcune persone (donne soprattutto) che si manifestano con la presenza di nodosità venose visibili e palpabili agli arti inferiori, che rendono esteticamente la parte molto alterata. In genere il varicocele è localizzato a sinistra.

Vi sono molti motivi per ritenere che sia responsabile di una certa percentuale di casi di sterilità maschile. Sembra che si presenti nel 15 % della popolazione scolastica. Si classifica in tre tipi (I, II, III in base a criteri anatomici che qui non è il caso di menzionare) e in tre gradi:( I, II, III in base alla evidenza clinica del problema). Si ha un aumento dei vasi venosi del testicolo che vengono paragonati, per l'impressione che si ha alla palpazione, ad un sacchetto di vermi.

Grado I: si apprezzano i "vermicelli" solo se si palpa il testicolo.

Grado II: i "vermicelli" si vedono e si palpano.

Grado III: il varicocele è tale da alterare molto la simmetria dello scroto (lo scroto è il "sacchetto" di pelle che contiene il testicolo.) Soprattutto in vista della possibile sterilità associata in un certo numero di casi (non ancora precisato in percentuale) al varicocele, tale condizione non deve essere sottovalutata. Nel varicocele di grado I si consiglia rivalutare il problema a distanza di qualche mese. Nei gradi II e III si consiglia intraprendere studi specifici presso reparti di chirurgia pediatrica (o urologia) poiché in gran parte debbono essere operati (soprattutto se c'è anche una riduzione di volume del testicolo).

Esistono vari tipi di intervento chirurgico e negli ultimi tempi si sono messi a punto interventi di microchirurgia. [NdR: Riguardo la richiesta di un consiglio su un centro specializzato, purtroppo dobbiamo rispondere che NON POSSIAMO dare indicazioni o consigli su professionisti o centri. Veda per questo la pagina delle FAQ].

Altro su: "Varicocele"

Testicolo ritenuto: come si opera?
L'intervento chirurgico di correzione del criptorchidismo (detto anche testicolo ritenuto) viene chiamato "orchidopessi".
Criptorchidismo
Per criptorchidismo si intende la mancata discesa nello scroto di uno o di entrambi i testicoli.
Torsione del testicolo
Ha sofferto quest'anno di una torsione del testicolo. L'intervento chirurgico è quasi sempre necessario.
Testicolo mobile nei bambini
La pediatra mi ha detto che ha i testicoli mobili. Questa situazione si corregge spontaneamente alla pubertà e non necessita di alcuna terapia.
Intervento per idrocele
A mio figlio è stato diagnosticato un idrocele sinistro e hanno consigliato l'intervento chirurgico. Quali sono i tempi di degenza?
Idrocele
L'idrocele consiste nell'ingrossamento di uno o di entrambi i testicoli. E' necessario l'intervento chirurgico.