La nostra bimba (primogenita) ha otto giorni, ma non vuole saperne di attaccarsi al seno della mamma, nonostante che lei abbia il latte. La mamma, con tutta dolcezza, la invita sempre a provare avvicinandola al capezzolo, aiutandola a tenerlo in bocca, ma la bimba, dopo un minimo tentativo di succhiare, diventa impaziente e piange. L'unica soluzione è il prelievo tramite tiralatte e quindi il biberon. Questo purtroppo è molto snervante per la mamma che inizia a dare segni di cedimento. Eppure il ciuccio lo succhia con molta tenacia. Sapete dirci perché si comporta così e avete qualche suggerimento da fornirci per non rischiare di perdere il latte della mamma?

Innanzi tutto otto giorni sono pochi per dare segni di cedimento materno. Se è difficile improvvisarsi madre o padre... pensate quanto sia difficile improvvisarsi figlio e quindi non si può pretendere che il bambino a otto giorni debba fare subito il suo dovere e si adatti subito alla situazione. Quindi pazienza e niente drammi. È difficile poter dare consigli così, senza conoscere da vicino la bambina o la mamma. Penso che si sia esclusa la presenza del capezzolo retratto che comporterebbe una impossibilità della bambina ad attaccarsi regolarmente.

L'unica soluzione è avere pazienza e insistere per altri giorni tirandosi il latte e provando, con calma, anche ad attaccare la bambina al petto. Spesse volte la situazione si sblocca da sola senza altre tecniche o senza altri trucchi particolari. Per tranquillizzare la mamma basta dirle che, se il latte c'è e se lo estrae dalla mammella per un po' con il tiralatte, la bambina cresce bene lo stesso. Si può anche ipotizzare che vi sia il cosiddetto "ingorgo" del latte e che la mamma possa essere aiutata (consultare a questo proposito il proprio ginecologo o il proprio pediatra), se ritiene opportuna la somministrazione di farmaci che "scioglierebbero" questo "ingorgo" del latte e renderebbero più facile la poppata in modo da far prendere il via alla bambina.

Altro su: "Allattamento al seno: non vuole attaccarsi"

Pubertà precoce
Si definisce classicamente pubertà precoce vera la comparsa dei primi segni di sviluppo puberali a un'età inferiore agli otto anni nella femmina.
Allattamento al seno prolungato
Prolungare l'allattamento al seno dopo l'anno di vita può essere solo un vantaggio sia per la mamma che per il bambino.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno va incontro a numerosi cambiamenti.
Allattamento al seno e lavoro
Il bambino si abituerà facilmente al cambiamento di orario dell'allattamento dovuto al rientro al lavoro. non bisogna sentirsi in colpa.
Allattamento al seno dopo i sei mesi
Come cambia la composizione del latte materno nei primi 12 mesi? Un aiuto alla mamma che allatta.
Integrazione del latte materno
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.