Saperne di più

per approfondire insieme

Contrazioni in gravidanza

Le contrazioni in gravidanza vanno sempre segnalate al ginecologo, specificandone la frequenza. Spesso il riposo è l'arma migliore contro questo disturbo.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

In tutte le fasi della gravidanza, e quindi anche nei primi mesi, è possibile avvertire delle sensazioni di peso al basso ventre e dei doloretti molto simili a quelli che si accompagnano normalmente alle mestruazioni.
La futura mamma ha come la sensazione che l'utero sia diventato duro e questo perché le pareti uterine, a mano a mano che aumenta il volume dell'organo, vanno incontro a movimenti involontari della muscolatura, soprattutto dopo uno sforzo fisico o dopo aver camminato troppo a lungo.

Con il passare delle settimane si verifica inoltre lo stiramento delle strutture di sostegno e dei legamenti uterini, e, soprattutto dal settimo-ottavo mese di gestazione, un aumento del numero delle contrazioni, che possono diventare anche abbastanza frequenti, ma comunque sempre non dolorose. In ogni caso le contrazioni uterine vanno sempre segnalata al ginecologo, specificandone la frequenza (quante volte avvengono nella giornata) e la durata (quanti secondi persistono). Spesso il riposo è l'arma migliore contro questo disturbo.