Alla fine del terzo mese, il grappolino di cellule che teneva in collegamento il feto alla parete dell’utero si moltiplica e si trasforma in un dischetto spugnoso che copre circa un quarto dell’utero. E’ la placenta, l’organo da cui dipendono i contatti madre–figlio per tutta la gestazione e la produzione di alcuni ormoni essenziali per la gravidanza.  Essa si ingrandirà e ispessirà parallelamente alla crescita del bambino.

Il feto non respira, dunque gli deve arrivare l’ossigeno necessario dal sangue della madre. E non ha modo di espellere all’esterno l’anidride carbonica e gli altri residui, dunque deve scaricare queste sostanze nel sangue materno.
La placenta è il filtro che permette al sangue della madre di cedere il suo ossigeno e le altre sostanze chimiche al sangue del bambino. Una grossa vena corre dalla placenta lungo il cordone ombelicale: da qui il sangue ossigenato va ad irrorare tutti i tessuti fetali.
Poi il sangue viene ripompato dal cuore del bambino attraverso due arterie fino alla placenta, dove scarica le sostanze di scarto e viene riossigenato, e così via.

Altro su: "Placenta e cordone in gravidanza"

Donazione del cordone ombelicale
La donazione del sangue del cordone ombelicale è un gesto d'amore che può salvare delle vite.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
La donazione del sangue dal cordone ombelicale
La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Le sue cellule staminali sono utili nella cura di alcune gravi malattie del sangue.
Donare il cordone ombelicale
Donare il sangue del cordone ombelicale del proprio bambino: un contributo per la ricerca e una possibilità di cura per gravi malattie.
La placenta
La placenta è l'organo di scambio fra la mamma e il bambino durante la gravidanza.