Vitruvio Sull'architettura IV - 1:

"C'è una tradizione sull'origine del capitello corinzio. Una fanciulla di Corinto, ormai in età da marito, morì per una malattia. Dopo il funerale, la sua nutrice raccolse tutti quegli oggetti (ninnoli e giocattoli), che le erano stati cari, in un canestro che depose sopra la tomba, coprendolo con una tegola, affinché quei ninnoli durassero più a lungo lì all'aperto. Il canestro fu casualmente appoggiato sopra una radice di acanto. Questa, schiacciata sotto il suo peso, all'inizio di primavera produsse foglie e viticci che, crescendo lungo i fianchi del canestro, furono costretti dagli angoli sporgenti della tegola a piegare la parte più alta delle loro fronde in forma di voluta. Callimaco, passando nei pressi della tomba, notò quel canestro circondato da tenere fronde. Fu attratto dall'originalità di quella composizione e pensò di riprodurla sui capitelli delle colonne a Corinto, determinandone le proporzioni. Così nacque il capitello corinzio".

(da Marco Fittà, Giochi e giocattoli nell'antichità, Milano, Leonardo arte, 1997, p. 53).e, Milano, 1999.

Altro su: "La leggenda della nascita del capitello"

Si stanca dopo cinque minuti che gioca con lo stesso giocattolo
Non finisce mai un gioco e si stanca subito quando gioca. Avrà problemi di concentrazione quando andrà a scuola? I consigli della psicologa.
I musei del gioco e del giocattolo
Ogni giocattolo è una rarità, creato dalla fantasia e dalla bravura delle mani esperte di artisti ed artigiani. Ecco un elenco di musei del gioco.
Quali giochi per non annoiarla?
Si annoia con i giochi per la sua età. I consigli dei giochi da proporre per non annoiarla.
Un'antica tradizione legata al mare
Un antica tradizione popolare ci racconta che l'acqua salata del mare poteva avere poteri propiziatori.
Filial Therapy
Secondo il modello terapeutico della Filial Therapy, il gioco è inteso come strumento di terapia, che permette di migliorare il rapporto genitori-figli.
Un po' di letteratura
Il gioco nella letteratura. Una poesia di Gianni Rodari ed un brano tratto dai "Miserabili" di Victor Hugo.