La mia bambina ha sei mesi; posso darle l'uovo? In che modo?

Nello svezzamento si seguono criteri medici e pratici. Riguardo all'uovo, ad esempio, occorre considerare le due parti che lo compongono e i modi che abbiamo a disposizione per cucinarle e proporle ai bambini.

Il tuorlo è composto prevalentemente di lipidi (grassi) ed è più digeribile se consumato crudo; si consiglia di introdurlo nella dieta del lattante dopo il compimento dei 9 mesi di età, aggiungendolo crudo alla minestrina al posto della carne una volta alla settimana.

L'albume, invece, è composto principalmente di proteine ed è più digeribile se consumato cotto (ne deriva che il modo più leggero di cucinare l'uovo è "alla coque"); vista la difficoltà a proporlo nella pappa (cotto non riuscirebbe a deglutirlo e crudo sarebbe una "crudeltà gastronomica") si preferisce provarlo nel bambino dopo l'anno di età.

Attenzione:

  • se il bambino ha un aumentato rischio di sviluppare allergie (perchè figlio di un genitore allergico o, peggio, di entrambi), l'epoca di introduzione dell'uovo (sia tuorlo che albume) viene spostata più in avanti (dopo i 12-18 mesi di età)
  • se il bambino è sicuramente allergico all'uovo, anche il solo tuorlo può causare problemi, in quanto la reazione allergica si realizza anche per piccole quantità e di fatto è impossibile separare del tutto l'albume dal tuorlo.

 

Altro su: "Uovo nello svezzamento"

Alimentazione nel secondo-terzo anno
Per i bambini di tutte le età è importante variare l'alimentazione. Ecco i nostri schemi per il secondo-terzo anno di età.
La carne nell'alimentazione
Per le sue caratteristiche la carne è sicuramente uno degli alimenti protagonisti dello svezzamento.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.
Svezzamento dei bambini a 8-10 mesi
Cosa proporre nello svezzamento dei bambini a 8-10 mesi? I consigli del pediatra per l'alimentazione.
Lo svezzamento nella storia
Fino alla metà del 1700 non esistevano indicazioni circa il metodo oppure gli alimenti più adatti per lo svezzamento.
I cereali
I cereali (frumento, mais, riso, orzo, avena, segale) nell'alimentazione del bambino rappresentano una buona fonte di energia.