Piange al solo pensiero di andare a scuola Ho una bambina di quattro anni che frequenta la scuola materna. Pur essendo al suo secondo anno di frequenza (ha però cambiato scuola) continua a fare capricci, dopo un primo periodo di entusiasmo (normalmente dopo il primo mese). È successo anche per la scelta del tempo prolungato per la quale lei stessa ha molto insistito ma, dopo il primo giorno di entusiasmo, adesso si rifiuta di mangiare a scuola e comincia a piangere dalla sera prima o anche durante il week-end, al solo pensiero di dover mangiare a scuola. Come posso aiutarla? Devo decidere di non farla più mangiare a scuola e quindi dargliela vinta oppure insistere?

Caro genitore, leggo con molto interesse la sua lettera e soprattutto, tra le righe, la perplessità, molto spesso insita nei comportamenti come madre o padre, di avere fatto bene o male, di avere agito per il bene della piccola o no. E spesso queste perplessità si rafforzano sui comportamenti dicotomici, opposti dei nostri piccoli.

È vero, come lei mi dice, che la bimba frequenta la scuola per il secondo anno, ma è pur vero che l'ambiente in cui quest'anno è inserita è nuovo rispetto a quello dell'altro anno, e ciò significa che gli indicatori di novità e di ansia (fisiologica e di crescita) ad essi connessi non possono e non devono essere sottovalutati.

Immagini un po' la situazione di cambiare casa: rappresenta un disagio iniziale, spesso vissuto con inconsapevolezza. Gli spazi che ci aspettiamo essere gli stessi di quelli lasciati prima del trasloco sono vissuti invece come diversi, i tempi paiono scanditi in maniera differente, soprattutto relativamente all'affettività e all'emotività con cui carichiamo i luoghi e il tempo delle nostre esperienze.

È ciò che è accaduto alla sua piccola: spazi e tempi nuovi da riguardare, soprattutto dal punto di vista emozionale e psicologico, oltre che di relazione e di socializzazione (nuovi compagni, nuovi maestri, ecc.), hanno determinato questo parziale e temporaneo disorientamento.

E l'entusiasmo iniziale è fisiologicamente avvenuto in virtù del fatto che la piccola non si aspettava un cambiamento così significativo: credeva in maniera inconsapevole che si trattasse di un semplice trasloco, dove avrebbe trovato spazi e tempi suoi e questo le spiega anche perché il suo cucciolo abbia inizialmente forzato a sé stessa la possibilità di restare a scuola per tempi lunghi sin dall'inizio.

Ricordiamo sempre che il tempo a quattro anni, e nell'infanzia, è un tempo affettivo, dove l'esperienza ludica scolastica all'inizio dell'anno è troppo lunga per molti piccoli, perché li separa dalla familiarità e dalla protezione del contesto/casa; è invece troppo breve già dopo qualche mese, quando la rassicurazione di tornare a casa, nel calore familiare, ormai interiorizzata, permette di godersi appieno gli spazi e i tempi della giornata scolastica.

In ciò un ruolo significativo viene dato ai docenti che, in team, operano una progettazione delle attività che tenga conto costantemente delle esigenze formative e dei bisogni affettivi dei bambini. Pertanto, ne parli con serenità agli insegnanti della sua bambina: vedrà che, oltre a rassicurarla, opereranno scelte e consigli per rendere quanto prima il processo di integrazione, nel nuovo contesto scolastico, interessante e sereno.

La serenità affettiva rappresenta il primo traguardo da raggiungere a breve termine, specie in relazione al fatto, che mi scrive, del disagio che la bimba avverte già la sera prima di recarsi a scuola perché sa di dovervi restare a mangiare.

Valuti, in sinergia coi docenti, l'ipotesi di fare un periodico e apparente passo indietro, imparando a scandire tempi cronologici di permanenza a scuola (consiglio, in questo periodo, non troppo distesi) in sovrapposizione con quelli affettivi e psicologici della bambina. Auguri e a presto!

Altro su: "E' al secondo anno di scuola materna, ma piange al solo pensiero di andarci"

Non vuole più andare alla scuola materna
Dopo le vacanze di Natale, il bambino non ha più voluto saperne di andare a scuola con un deciso comportamento di rifiuto! Come risolvere questa situazione.
Asilo nido o baby-sitter?
È meglio cercare una baby-sitter e aspettare che il bimbo sia un po' più grande e mandarlo all'asilo nido? I consigli della psicologa.
Mi respinge!
Quando torno a casa la mia bambina mi caccia via e mi respinge piangendo.
Convalescenza: quanto deve stare a casa dopo la malattia?
La convalescenza è un periodo di "riposo" dopo una malattia, che consenta al bambino di recuperare le forze. I consigli sulla durata della convalescenza.
Dovrò lasciare mia figlia di otto mesi per iniziare a lavorare
Come rendere meno traumatico il distacco dalla mamma che deve iniziare a lavorare? I consigli della psicologa.
La maestra chiama "spioni" i bambini
A scuola, mia figlia ha difficoltà a capire quando si deve dire la verità e quando invece deve farsi i fatti propri per non essere chiamata "spione".