Mia figlia di quasi quattro anni frequenta da tre mesi la scuola materna comunale e non si è inserita ancora nel nuovo ambiente: la mattina all'ingresso le lacrime sono copiose e non accetta il distacco materno, rifiuta di mangiare e non socializza e credo non accetti una delle due insegnanti. Premesso che l'anno scorso ha frequentato una scuola materna cattolica ed è stato duro soltanto l'inserimento, chiedo una consulenza ai colleghi se devo intraprendere un atteggiamento "duro" ignorando il tutto o cercare di cambiare scuola.

Caro lettore, prima di tutto non cambi assolutamente scuola! La sua bambina potrebbe pensare ad un viaggio a tappe che non finisce mai. Poi, le scrivo come madre, ma soprattutto come una donna che per dieci anni ha lavorato nella scuola materna ed ha ambientato almeno una decina di bambini piccoli ogni anno. Ogni bimbo ed ogni ambientamento rappresentano una storia a sé. Tutte queste storie hanno in comune il fatto di essere la prima importante esperienza di separazione per i nostri bambini. E' una separazione da un luogo, da ritmi e da persone affettivamente molto rassicuranti: la mamma, la nonna, la zia o la baby-sitter che, ciascuna a proprio modo, ruotano attorno alle esigenze del piccolo arrivato.

E' una separazione verso un luogo con regole collettive, con ritmi prestabiliti e con persone che ruotano attorno ad almeno venti bambini! Lei capisce, caro lettore, quale senso di paura e di panico e di smarrimento può provare sua figlia in questi mesi? Tra l'altro non dimentichi che ha già compiuto una precedente esperienza non proprio positiva. Lei deve cercare di essere molto dolce e rassicurante con la sua bimba, deve contenere la sua paura con strategie comprensibili, quali ad esempio "adesso il papà va a lavorare e dopo che tu hai mangiato viene a prenderti" oppure "facciamo un patto: tu mangi tutta la pappa ed io arrivo subito". Inventi delle piccole ritualità, a casa al mattino ed a scuola al momento dei saluti. Giochi con lei a nascondino o a cercarsi, per rassicurarla che, nonostante la fatica del trovarla, non la dimenticherà mai. Legga storie di bambini o teneri animali che ormai grandi partono e vanno....

Sia dolce e fermo, ma non duro. La sua bambina soffre, non fa i capricci, e lei adulto sa bene che ogni fase di crescita, ovvero ogni separazione, è dolorosa e faticosa ma assolutamente importante per diventare grandi!

Altro su: "Inserimento alla scuola materna"

Asilo nido o baby-sitter?
È meglio cercare una baby-sitter e aspettare che il bimbo sia un po' più grande e mandarlo all'asilo nido? I consigli della psicologa.
Tampone faringeo a scuola: contro la scarlattina
Perché questo test all'ingresso alla materna? Serve a prevenire la scarlattina e altre infezioni da streptococco.
Piange perché non vuole andare alla scuola materna
Non vuole andare alla scuola materna e piange. I consigli dello psicologo per aiutarlo nell'inserimento.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Non trovando posto all'asilo nido, potrebbe frequentare per alcune ore gli "spazi gioco"
A 18 mesi è importante la socializzazione nell'asilo nido o negli "spazi gioco"? I consigli della psicologa.
È aggressivo alla scuola materna
Un bambino aggressivo alla scuola materna: i consigli della psicologa per aiutare il bambino a risolvere questa situazione.