Nella mia famiglia, da parte di madre, l'ansia è un tratto caratteristico; ne ravvedo, sempre più spesso e con manifestazioni chiare, i sintomi anche in mia figlia: fatica a addormentarsi, si mangia le unghie, ha dei tic soprattutto quando è stanca, respira spesso a fondo come se le mancasse l'aria, è eccessivamente preoccupata di aver fatto tutti i compiti tanto da alzarsi dal letto per controllare. Mi chiedo come posso aiutarla a vivere un po' meglio: l'ansia si può "curare", si può farlo fin da piccoli?

L'ansia è una paura generalizzata e può essere appresa facilmente osservando il comportamento dei genitori che hanno quel tipo di risposta. Non si tratta di paura di qualcosa di specifico ma della "paura di aver paura" (paura che possa succedere qualcosa di sconosciuto).

A lungo termine, si può intervenire modellando il comportamento della bambina, dandole sicurezza e fiducia in quello che fa e stimolandola nella sua autonomia. A breve termine, si può aiutare la bambina ad abbassare il livello d'ansia raccontandole ogni giorno storie che ricalchino le difficoltà generiche che il bambino può vivere e che abbiano un finale positivo e rilassante: per i bambini la migliore tecnica di rilassamento resta sempre il racconto.

Tenga conto, inoltre, che può rivolgersi ad uno psicologo che possa intervenire sull'ansia infantile con tecniche mirate di rilassamento come il Training Autogeno per i bambini.

Altro su: "La mia bambina soffre di ansia"

Digrigna i denti
Il digrignare i denti in medicina si dice bruxismo. Molti bambini iniziano come movimento finalizzato a qualcosa che poi diventa abitudine consolidata.
Si mangia le unghie
L'onicofagia, cioè la tendenza a mangiarsi le unghie, è un comportamento molto frequente fra i bambini.
Una mamma troppo protettiva?
Sono una mamma troppo protettiva? Mi dicono che sono troppo attenta a rispondere prontamente alle sue esigenze. Il parere dello psicologo.
L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
A scuola si agita nelle nuove situazioni
Quando la maestra spiega un argomento nuovo a scuola il bambino si agita, entra in confusione e non riesce a concentrarsi.
Sindrome di West: cosa fare?
La sindrome di West è caratterizzata da convulsioni con uno specifico tracciato all'elettroencefalogramma.