Ho una bimba di cinque anni e mezzo che il prossimo anno andrà in prima elementare. Per motivi familiari dovrò cambiare residenza ad anno scolastico avanzato (marzo), cambiando zona della città e ciò richiederà la frequenza presso un'altra scuola. La mia domanda è la seguente: è preferibile iscriverla già da settembre alla scuola della nuova residenza, con però un lungo viaggio in città per raggiungerla, oppure è preferibile farle frequentare tutto l'anno presso la scuola vicina all'attuale residenza e poi, in seconda elementare, farle fare il cambio della scuola? Chiedo quale delle due soluzioni, da un punto di vista di adattamento per la bimba, è la meno traumatica.

Credo che la soluzione meno traumatica sia quella di fare qualche sacrificio in più ora, iscrivendola a quella scuola che è vicina alla casa in cui vi trasferirete perché, in questo modo, manterrà per tutta la durata della scuola le stesse amicizie, gli stessi insegnanti... Sarebbe un po' duro cambiare per due volte ambientazione, anche se i bambini più facilmente degli adulti si adattano alle novità. Auguri!!

Altro su: "Cambio scuola a metà dell'anno scolastico"

Scuola materna, scuola elementare
Secondo voi è importante scegliere una scuola materna che offra la continuità con la scuola elementare? I consigli della psicologa.
Passaggio dalla scuola materna alla scuola elementare
Oltre al cambio dalla scuola materna alla scuola elementare, mia figlia dovrà inserirsi con nuovi amici.
Primo giorno di scuola
Quali possono essere le accortezze da mettere in atto per far vivere in modo sereno ai propri figli l'ingresso nella scuola elementare?
Bambino troppo vivace a scuola
E' fondamentale cercare con serenità di capire i veri motivi che spingono i bambini a comportarsi in modo così vivace. I consigli dello psicologo.
Cambiare casa
Ci trasferiremo in una nuova abitazione. Cambiare casa sarà un trauma per il nostro bambino? Come affrontare questo periodo di stress.
L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.