Sono padre di un bambino di quasi 9 anni che mi chiede insistentemente di permettergli di iscriversi ad un gioco di ruolo che si svolge on line "Locmt2". E' un gioco ambientato nel medio-evo dai tratti fantastici/avventurosi, per alcuni versi cruento; il gioco è moderato on line e da regolamento sono vietate parolacce, bestemmie e scorrettezze varie. Sono veramente molto indeciso se acconsentire l'accesso e dare modo alla sua fantasia di svilupparsi o di precludergli ancora un po' certi tipi di attività.

Non conosco nello specifico questo gioco, ma mi sento di dire che forse sarebbe opportuno che, se decide di consentire a suo figlio di giocare (in alcuni casi le preclusioni a priori sono poco efficaci), il bambino lo facesse esclusivamente in sua presenza, con il suo controllo e per tempi ed in momenti limitati e stabiliti in precedenza con lui.

Accenna infatti ad un carattere cruento del gioco, e forse sarebbe importante poi poter commentare, anche in modo critico, scene di questo tipo, in modo che non siano assimilate dal bambino senza una mediazione.

Inoltre cercherei di assicurargli altri momenti di gioco più libero e non "tecnologico", in cui la sua fantasia sia sollecitata in modi diversi.

Altro su: "Giochi on line per bambini"

Gioca solo con gli adulti
Bisogna valutare quali siano i motivi che portano il bambino a giocare solo con gli adulti. I consigli della psicologa.
Play Therapy
La Play Therapy è un'efficace forma di terapia per i bambini che si fonda sull'uso del gioco inteso come il mezzo espressione primaria.
Progetto "MiVoglioBene": gioco e movimento
Proponi al tuo bambini il movimento preferibilmente sotto forma di gioco e, se possibile, all'aria aperta.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.
Entra in crisi se le si toccano i giocattoli
A questa età è normale che se le toccano un giocattolo vada in crisi. I consigli della psicologa.
Un po' di letteratura
Il gioco nella letteratura. Una poesia di Gianni Rodari ed un brano tratto dai "Miserabili" di Victor Hugo.