Nostra figlia di nove anni ha una paura folle del dentista, durante una visita è addirittura svenuta. Eliminate, con visite specialistiche, altre cause dello svenimento non resta che la paura del dentista. Cosa si può fare?

Innanzitutto è necessario domandarsi perché un bambino abbia tanta paura del dentista. Le cause più frequenti sono legate ad un condizionamento familiare e/o ad una brutta esperienza. E' ormai dimostrato scientificamente che i bambini sono in grado di "rivivere", nel vero senso fisico del termine, una brutta esperienza trascorsa se qualcuno o qualcosa innesca la scintilla del ricordo (circuito stellare).

Per questo è fondamentale un buon approccio col bambino. Tutti i pedodontisti (dentisti per bambini) hanno tecniche psicologiche, comportamentali e perfino ipnotiche per avvicinarsi al loro mondo, ed instaurare con loro una comunicazione.

Lo svenimento in studio non è un fatto eccezionale: nel mio studio ne sono capitati diversi l'ultimo dei quali alla figlia di un collega e prima della visita, e quindi non c'è da preoccuparsi. L'errore che commettono molti odontoiatri che non sono abituati a lavorare con i bambini è quello di considerarli adulti di serie B per cui certe cose non bisogna dirgliele ma bisogna fargliele, ed ecco allora che si perde la fiducia del piccolo paziente.

Mai, e ripeto mai, si deve obbligare un bambino con la forza a togliere o curare un dente. Come i colleghi pediatri potranno confermare ogni bambino è diverso e quindi richiede un approccio personalizzato (è più facile "catalogare" il comportamento dei genitori che accompagnano il bambino).

Se la bambina di nove anni è motivata ed ha compreso la necessità di curarsi, vi sono mille modi per tranquillizzarla, non ultimo il rimedio farmacologico con il protossido d'azoto che si è dimostrato negli anni sicuro e valido. Un concetto di base è anche questo: si ha paura di ciò che non si conosce. Io, per esempio, talvolta faccio assistere i bambini più spaventati alla normale attività operativa di uno studio di odontoiatria infantile.

Se la bambina di 9 anni vede un bambino di 5-6 anni che è già motivato e che si fa curare in tutta tranquillità, ne riceverà un rinforzo positivo e comprenderà perché noi gli spiegheremo passo passo tutta la procedura, senza misteri, e senza bugie. Certamente non useremo parole difficili o tecnicismi per esprimerci così come eviteremo parole e frasi ansiogene: per esempio la mia assistente conosce perfettamente che nel mio studio al posto del trapano c'è un pulitore e che al posto della siringa c'è un liquido addormentante, e così via.

Un'altra tecnica che io uso moltissimo è lo spiazzamento del bambino terrorizzato: è necessario fare quanto di più insolito lui si aspetterebbe da noi: guardare i denti del babbo o della mamma anziché i suoi, invertire le posizioni mettendo il paziente sullo sgabello e dentista sulla poltrona ... insomma tutto ciò che rompa lo schema mentale che lui si è prefigurato in sala d'attesa.

In conclusione il consiglio è quello di trovare un buon dentista pediatrico che sappia instaurare una comunicazione con sua figlia; questo talvolta richiede più appuntamenti e molto tempo speso in convincimento, ma è una tappa che non può essere mai saltata, nemmeno quando la sala d'attesa è strapiena, perché ai bambini la logica economica interessa proprio poco (ed hanno ragione loro!!).

Altro su: "Paura del dentista"

Ha paura della morte
Non vuole più dormire da sola perché ha cominciato a dire che ha paura di morire. Come comportarci? I consigli della psicologa.
Rispondere alle paure dei bambini
Per rispondere e tranquillizzare le paure dei bambini occorre dare risposte e spiegazioni adeguate quando le chiedono, senza rimandare.
Paure in gravidanza
I timori, le paure, l'ansia in gravidanza: come affrontarli. Come aiutare la futura mamma ad essere più serena.
Ha paura di stare da solo
Mio figlio Stefano di dieci anni ha il terrore di restare solo. Qualche volta si tratta di episodi transitori.