Io e mia moglie abbiamo un figlio di quasi 5 anni che sostanzialmente gode di buona salute, ma nell`ultimo anno ha manifestato problemi di vista e cioè occhi molto rossi, secrezioni abbondanti soprattutto alla mattina (le ciglia alla mattina sono appiccicate e gli occhi si aprono solo dopo lunghi lavaggi ... ), lacrimazione abbondante, in particolare nei luoghi aperti: giardino, parchi... Il pediatra sospetta una forma di congiuntivite allergica, ma nonostante i vari colliri utilizzati, anche per periodi lunghi, non riusciamo a contenere il fenomeno. Inoltre abbiamo notato uno strabismo (saltuario) ad un occhio, che per quel che si è potuto capire vede anche meno (occhio sinistro: 6-7/10, occhio destro: 4-5/10 ). Dubbi: Lunghi periodi in queste condizioni possonno danneggiare permanentemente il campo visivo? Lo strabismo saltuario ed il calo visivo (che sono nello stesso occhio) sono correlati al rossore? Quale visus dovrebbe avere a questa eta`? In famiglia sono presenti casi di strabismo, miopia ed astigmatismo: possono essere stati ereditati dal bimbo ?

Il quadro clinico prospettato nella domanda non appare di univoca interpretazione. La presenza di occhi arrossati e di lacrimazione abbondante, soprattutto quando il bambino sembra più esposto ad allergeni (sostanze in grado di scatenare una reazione allergica) atmosferici come i pollini, sembrerebbe indirizzare verso una forma di congiuntivite allergica: ma non viene riferito il prurito oculare, che dovrebbe essere sempre presente, e non sembra si sia verificato un miglioramento dopo terapia con i farmaci usati (colliri a base di antistaminici e cortisone, ed antistaminici per via orale), che usualmente si utilizzano in una congiuntivite allergica e che in genere portano ad un rapido miglioramento dei sintomi.

L’arrossamento oculare accompagnato a secrezione purulenta e difficoltà a dischiudere le palpebre al mattino è invece tipico della congiuntivite batterica, che sarebbe però dovuta guarire con uno dei vari colliri antibiotici prescritti. Probabilmente una visita oculistica permetterebbe di precisare maggiormente la diagnosi, insieme eventualmente all’esecuzione di prove allergologiche.

Per quanto riguarda l’altro sintomo, occorre precisare che uno strabismo, anche solo saltuario, va inviato sempre e nel più breve tempo possibile da un oculista perché può portare ad ambliopia, in altre parole ad un deficit visivo più o meno importante; tutto ciò a maggior ragione nel caso di famigliarità dal momento che all’incirca il 50% dei casi di strabismo nei bambini è di origine ereditaria.

Altro su: "Congiuntivite nei bambini"

Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.
Strizza gli occhi
Strizza spesso gli occhi e mi hanno consigliato un collirio, ma non migliora. Il parere dell'Oculista.
Congiuntivite primaverile
La congiuntivite primaverile è una condizione caratterizzata da arrossamento, fastidio in presenza di luce, lacrimazione e prurito palpebrale.
Vero e falso in oculistica
Una serie di risposte flash a domande frequenti in oculistica.
Orzaiolo
Da che cosa è causato l'orzaiolo? Come si cura?
Congiuntivite allergica
Quando la congiuntivite persiste per un periodo molto lungo nel tempo, è molto probabile che si tratti di una congiuntivite allergica.