Alla prima visita di mio figlio la pediatra ha scritto "Ortolani negativo". Che cosa significa? Che cosa è?

La manovra di Ortolani prende il nome dal pediatra italiano che per primo la descrisse ed è un esame che viene effettuato di routine nei primissimi mesi di vita. Per capire il significato di tale manovra occorre conoscere l’anatomia dell’anca, cioè dell’articolazione che collega il femore, l’osso più lungo della gamba, con il bacino. Normalmente la parte terminale superiore del femore, detta anche testa del femore (dalla forma grosso modo di una sfera), si articola con l’acetabolo, una specie di nicchia concava, situata nella parte centrale dell’osso dell’anca, entro cui il femore si inserisce.

Talvolta però l’acetabolo non è ben formato e non consente alla testa del femore di essere correttamente sistemata e racchiusa da questa cavità emisferica, tanto da provocarne la fuoriuscita e la dislocazione al di fuori della cavità acetabolare: si verifica cioè quella che, in termini medici, è chiamata lussazione congenita dell’anca. La manovra di Ortolani viene eseguita sul neonato supino (a pancia in su) afferrando con le mani le ginocchia piegate a squadra e le anche flesse a 90 gradi sul bacino. L’operatore esegue un movimento combinato di abduzione (cioè di allontanamento dalla linea mediana e conseguente divaricamento) e rotazione esterna delle cosce. Se l’esame è patologico, cioè se l’anca è lussata e quindi la testa del femore si trova al di fuori della cavità acetabolare, il medico avverte, con la punta delle dita, una caratteristica sensazione di “scatto” dell’articolazione: essa indica che la testa del femore, scivolando sopra il bordo dell’acetabolo, è rientrata nell’acetabolo stesso.

La manovra di Ortolani, in teoria piuttosto semplice, richiede comunque una notevole abilità ed esperienza perché sia correttamente eseguita e abbia un risultato attendibile e, in ogni caso, è in grado di evidenziare solo l’anomalia più grave (la lussazione dell’anca) mentre non può rilevare con altrettanta precisione difetti più lievi. Per evidenziare queste forme meno gravi di displasia (cioè di anomalia di sviluppo) dell’anca, che sono anche quelle percentualmente più frequenti, si consiglia l’esecuzione dell’ecografia delle anche entro il terzo mese di vita. Nel caso in questione, il termine "Ortolani negativo" significa che la manovra non ha evidenziato nulla di patologico.

Altro su: "Manovra di Ortolani"

Stiramento del plesso brachiale
Conseguenza di un trauma al braccio
Lussazione congenita dell'anca
La lussazione congenita dell'anca è tra le patologie ortopediche, una delle più frequenti anomalie congenite.
Ecografia delle anche nei neonati
L'ecografia delle anche nei neonati è il miglior metodo per diagnosticare la "displasia congenita dell'anca".
Ecografia delle anche in un neonato
L'ecografia delle anche serve ad individuare il rischio di una anomalia della articolazione e diagnosticare precocemente la displasia congenita delle anche.