Mia figlia di 15 mesi gioca spesso a far scattare la mandibola aprendo e chiudendo la bocca anche nelll'imitazione del verso del pesce. Mio marito ha la chiusura della arcata dentale con i denti inferiori avanzati rispetto ai superiori. Devo far controllare la bambina per intervenire in tempo per una eventuale correzione e da quale specialista?

E' opportuno far visitare la bambina da un ortodontista a circa 4 anni e mezzo per attuare un intercettamento precoce della malocclusione ove presente. Vorrei precisare che poche anomalie scheletriche necessitano di un intervento così precoce, ma che fra queste, la terza classe (la mandibola piu avanzata rispetto al superiore) risulta molto sensibile al trattamento se ben impostato.

Tale malocclusione è in genere ereditaria, ma dubito che sia già visibile a 15 mesi. L'atteggiamento della bambina può essere spiegato probabilmente chiamando in causa un contatto occlusale doloroso (per lo spuntare di alcuni denti decidui), che costringe la piccola ad avanzare la mandibola. Non mi preoccuperei affatto per il momento ed attenderei l'età indicata (4,5 anni) per una visita specialistica dall'ortodontista.

Altro su: "Malocclusione: mandibola in fuori"

La prima visita dal dentista
Alcuni consigli per fare affrontare al tuo bambino con serenità la prima visita dal dentista.
Digrigna i denti
Il digrignare i denti in medicina si dice bruxismo. Molti bambini iniziano come movimento finalizzato a qualcosa che poi diventa abitudine consolidata.
Cosa fare se si frattura un dente
Cosa devo fare nel caso un bambino si fratturi un dente? I consigli dell'odontoiatra.
Quando togliere il ciuccio?
Solitamente il ciuccio viene spontaneamente abbandonato verso i due-tre anni di vita a mano a mano che il piccolo acquista fiducia in se stesso.
Non vuole lavarsi i denti
L'importanza di lavare i denti: i consigli per convincere un bambino a lavarsi i denti.
Mascella in fuori
Da un controllo risulta che mio figlio ha la mascella in fuori. Mi hanno parlato di impalcature esterne che però potrebbero risultare inefficaci.