Cosa succede alla mamma?

Non sono comparse le mestruazioni alla data prevista ed inizi a sospettare di essere incinta. Le mammelle incominciano a farsi più turgide e sode, ed anche l’areola (quella zona che circonda il capezzolo) diventa più scura lasciando spesso intravedere, sotto la pelle, le arterie e le vene. Inoltre il seno comincia a diventare più sensibile al tatto. È possibile che inizi ad urinare più frequentemente. Ti senti particolarmente stanca e hai spesso voglia di dormire. La nausea non ti abbandona mai e spesso ti danno fastidio alcuni odori. È probabile che tu avverta qualche volta mal di testa e sia sovente di pessimo umore. Insomma, l'inizio non è dei migliori!

Cosa succede al bambino?

Quell’insieme di cellule che hanno continuato a dividersi rapidamente nell'utero non assomiglia certo ad un essere umano, ma piuttosto ad un tubicino cilindrico, della lunghezza di 1,5-2,5 millimetri (pressappoco le dimensioni di un seme di mela), con una fessura alle due estremità. Incomincia a funzionare una rudimentale placenta che attraverso il cordone ombelicale trasporta ossigeno e nutrimento al feto. Nel foglietto embrionario esterno inizia a formarsi il tubo neurale da cui nasceranno il cervello, il midollo spinale e i nervi, mentre da quello intermedio cominciano ad abbozzarsi il cuore e il sistema circolatorio; infine il terzo foglietto, quello più interno, avvia la differenziazione dei polmoni e dell'intestino.

Promemoria

Se non hai ancora fatto un test di gravidanza, questo è il momento per confermare di essere incinta. Se la prova è positiva, fissa il primo appuntamento con il tuo ginecologo. Questi ti prescriverà i primi esami del sangue e delle urine.

Altro su: "La quinta settimana di gravidanza"

Rischi del parto cesareo
Ho già subito un parto cesareo. Esistono dei rischi reali di cedimento della precedente ferita in caso di travaglio? I consigli del ginecologo.
Stitichezza in gravidanza
La stitichezza è un disturbo frequente in gravidanza e può riguardare sia la consistenza delle feci sia la frequenza dell'evacuazione.
Pericolo toxoplasmosi in gravidanza
Quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della toxoplasmosi al feto.
Varicella in gravidanza
La varicella in gravidanza può avere conseguenze diverse per il feto in base al periodo di gravidanza.
Epatite C in gravidanza
L'epatite C è provocata da un virus che è trasmesso attraverso il sangue o i rapporti sessuali, ma il contagio perinatale non è frequente.
Urinare spesso in gravidanza
All'inizio della gravidanza c'è l'esigenza di urinare molto più frequentemente di prima a causa del cambiamento di forma e dimensioni dell'utero.