Mio figlio è un bambino di sei mesi affetto da ptosi palpebrale congenita all'occhio destro (N.d.R.: si tratta di un abbassamento della palpebra superiore, presente sin dalla nascita). Esiste una possibilità di recupero spontaneo? In alternativa si deve ricorrere all'intervento chirurgico? In che cosa consiste? A quale età si può fare? Quanto può essere compromessa la vista nell'occhio affetto da ptosi?

Il recupero spontaneo è possibile nei casi in cui la ptosi sia dovuta ad un angioma, nel qual caso la riduzione della massa si accompagna ad una riduzione del deficit. Negli altri casi è improbabile. Se la ptosi non interferisce significativamente con la visione è consigliabile attendere qualche anno ed eseguire l'intervento solo quando sia possibile regolarne l'effetto intraoperatoriamente, cioè a paziente sveglio ed in anestesia locale.

Esistono vari tipi di intervento a seconda della gravità della ptosi: si va dalla sospensione della palpebra al muscolo frontale, alla semplice resezione (rinforzamento) del muscolo elevatore. La vista può risultare compromessa se la ptosi copre la pupilla e/o se determina un astigmatismo (incurvamento della cornea) secondario.

Altro su: "Ptosi palpebrale"

Asimmetria del viso
Fin dalla nascita presenta una asimmetria patologica degli occhi. E' opportuno una visita dal Pediatra di fiducia.
E' nato con ptosi palpebrale
La ptosi può causare problemi visivi ed, a volte, esser un segnale di altri problemi sistemici o oculari.
Una palpebra più spessa dell'altra
La ragione dell'ispessimento della palpebra può essere un angioma o una cisti dermoide.