ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Allattamento al seno: mangia abbastanza latte?

La corretta crescita di un neonato sano è di circa 150-200 grammi alla settimana. I consigli del pediatra.

Ultimamente mia figlia Elisa (tre mesi ed una settimana), quando viene allattata al seno, ha un comportamento irrequieto, che si manifesta con un continuo attaccarsi e staccarsi al capezzolo che dura per tutto il tempo della poppata (in media 20 minuti totali). Consultando il pediatra abbiamo rilevato un aumento di peso. nelle ultime tre settimane ,di 350 grammi (in media 16 grammi al giorno), quando nei primi mesi i valori erano di circa 24 grammi al giorno. La soluzione propostami è stata un'aggiunta di latte artificiale di 60 grammi a poppata. Il comportamento e i valori indicano effettivamente un calo di latte? E se sì, è possibile anticipare lo svezzamento?

La corretta crescita di un lattante sano è di circa 150-200 grammi alla settimana (maggiore nei primi mesi e poi via via sempre meno). Se per una settimana la crescita non è adeguata non è il caso di drammatizzare, in quanto la settimana successiva il bambino potrebbe recuperare. Se invece si accerta una scarsa crescita anche nelle settimane successive bisognerà chiedersi il motivo che ha portato a tale situazione.

Altrettanto importante è il confronto fra le curve di crescita del peso e della lunghezza: le due curve devono correre parallele, cioè il peso deve essere proporzionato alla lunghezza. Nel caso proposto sembrerebbe esserci un'ottima crescita staturale e una sufficiente crescita ponderale.

Nel caso quindi di un bambino sano, senza febbre, rinite, otite, infezione delle vie urinarie o altre cause che possono disturbare la crescita, con segni di irrequietezza (si stacca dal capezzolo forse perché succhia senza avere il risultato desiderato), la proposta di un'aggiunta di latte artificiale, di fronte a un'accertata scarsa crescita, è una scelta corretta. Lo svezzamento, inteso come pappa non di latte (in brodo vegetale), va invece iniziato nel 5° mese.

1/1/1997

30/10/2010

I commenti dei lettori

salve volevo sapere se un neonato di una settimana dopo ogni poppata al seno deve andare di corpo, e se non va per almeno le prossime due poppate che problemi si incontrano? Grazie Enrico

Enrico (SR) 07/11/2010

Si stacca continuamente dal capezzolo perchè con il passare dei mesi è più sveglia, più reattiva, si distrae più facilmente, e anche perchè diventa più veloce a poppare (tutte cose che sono solite accadere proprio attorno ai tre mesi). Anche la diminuzione nel suo aumento di peso è completamente normale.

francesca (TV) 13/01/2011

Salve io sono mamma di Gaia che ha 4 mesi e mezzo. l'ho sempre allattata al seno ed è sempre cresciuta regolarmente (180- 200 g a settimana nei primi 3 mesi). Ora però da circa un mese sembra non volere più il seno in quanto si attacca, succhia poco e poi si stacca e piange e infatti si è fermata con il peso....Vorrei chiarire che il latte c'è perchè quando lei si stacca il capezzolo spruzza latte. Il pediatra mi ha detto di passare al latte artificiale ma, avendo latte, la cosa mi disturba parrecchio.... Cosa posso fare????

eliana (VI) 15/06/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento al seno: mangia abbastanza latte?"

Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Allattamento al seno: poco latte?
Mia moglie che sta allattando al seno la bimba si è accorta di avere poco latte. I consigli del Pediatra.
Allattamento al seno: ridotto intervallo fra le poppate
Da due settimane l'intervallo tra le poppate si è ridotto. Allattare al seno o fare un'aggiunta di latte artificiale? Il consiglio del pediatra.
Allattamento al seno: i consigli dell'ARP
Allattamento al seno: le schede della Associazione per la Ricerca in Pediatria. I consigli dei Pediatri.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: poco latte?
Mia moglie che sta allattando al seno la bimba si è accorta di avere poco latte. I consigli del Pediatra.
Artrite reumatoide giovanile
Vari fattori sono ritenuti responsabili dell'artrite reumatoide giovanile, tra i quali ci sono genetici.
La pelle in gravidanza
Durante la gravidanza la pelle di solito diventa più bella e lucente, grazie alla nuova situazione ormonale.
Linfadenite tubercolare
Il termine di linfadenite tubercolare indica l'infiammazione di una o più ghiandole linfatiche (linfonodi).
Mio figlio di due anni dice le parolacce
Fino ai 2 -3 anni i bambini pronunciano tutte le parole attribuendo ad esse la stessa rilevanza. Cosa fare se un bambino dice le parolacce.

Quiz della settimana

Che cosa si intende per sudamina?
Una malattia contagiosa della pelle
Una malattia degenerativa delle ghiandole che producono il sudore
Una malattia genetica che causa un'alterazione della composizione del sudore
Un'irritazione della pelle dovuta ad un'eccessiva produzione di sudore