ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Allattamento al seno: ridotto intervallo fra le poppate

Da due settimane l'intervallo tra le poppate si è notevolmente ridotto. Controllerei se dopo la poppata c'è ancora latte, cioè il seno non è stato del tutto svuotato.

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

Vi scrivo per avere un parere riguardo l'alimentazione del mio piccolo di tre mesi. Finora è stato allattato al seno a richiesta ed è cresciuto molto bene: alla dimissione, dopo il calo, era 2950 gr ed ora è 5500 gr. Il problema si sta verificando da due settimane, dato che in questi 14 giorni ha preso poco più di 100 gr. Inoltre, sempre da due settimane, le feci sono diventate molto liquide e talvolta verdastre, e l'intervallo tra le poppate si è notevolmente ridotto: infatti arriva a chiedermi il seno anche ogni ora, succhia bene, ma è come se si stancasse e non rimane attaccato per più di cinque minuti e, spesso, non prende neanche il secondo seno. Altra novità è che ieri mi è rincominciato il ciclo mestruale. Ora vorrei chiedervi se, secondo voi, è il caso di integrare le poppate al seno con un'aggiunta di latte artificiale, magari quella serale in modo da farlo dormire più tranquillo (ultimamente ha un sonno abbastanza "nervoso").

Non è facile dare consigli a distanza. Penso che il suo pediatra sia la persona più adatta a consigliarla dopo aver anche visto il bambino. Quasi sicuramente i problemi da Lei segnalati sono dovuti a fame, o meglio a non sufficiente introduzione di latte, ma è importante anche escludere possibili problemi organici.

Controllerei se dopo la poppata c'è ancora latte, cioè il seno non è stato del tutto svuotato. Quando riprende il ciclo mestruale è possibile una transitoria ipogalattia (diminuzione di produzione di latte). Anche il malessere della madre può determinare un'irrequietezza del bambino.

Qualora il piccolo stia bene, il seno sia svuotato del tutto, proverei con un'aggiunta di latte adattato del tipo 1 nei pasti in cui sembra maggiore la carenza di latte. Come già detto potrebbe essere un fenomeno transitorio. Potrebbe succedere che, con la ripresa della suzione vigorosa, lo svuotamento del seno, il benessere della madre, il latte materno torni ad essere sufficiente e l'aggiunta non sia più necessaria.

4/3/2003

21/11/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento al seno: ridotto intervallo fra le poppate"

Allattamento al seno: i consigli dell'ARP
Allattamento al seno: le schede della Associazione per la Ricerca in Pediatria. I consigli dei Pediatri.
Allattamento al seno: mangia abbastanza latte?
Con l'allattamento al seno quanto latte deve mangiare un neonato? Mi sembra che la poppata duri meno di prima.
Allattamento al seno: poco latte?
Mia moglie che sta allattando al seno la bimba si è accorta di avere poco latte. I consigli del Pediatra.
Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Centri antiveleni
I consigli di cosa fare in caso di avvelenamento o ingestione di tossici o caustici.
La timidezza del bambino
Per aiutare il bambini timido a superare certe situazioni di timidezza non bisogna forzare le tappe del suo sviluppo psicologico.

Quiz della settimana

Quando si può considerare definitivo il colore degli occhi in un lattante?
a 2-3 mesi di vita
a 4-5 mesi di vita
a 6-7 mesi di vita
a 11-12 mesi di vita