ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Emorroidi in gravidanza

Le emorroidi sono piccole dilatazioni delle vene che raccolgono il sangue della regione anale e perianale, cioè intorno all'ano. Si manifestano con una certa facilità in gravidanza.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Le emorroidi sono piccole dilatazioni delle vene che raccolgono il sangue della regione anale e perianale, cioè intorno all'ano. Si manifestano con una certa facilità (più di frequente nelle donne che hanno già avuto altri figli, e in quelle che già soffrivano del disturbo prima di rimanere incinta) perché, sotto l'azione degli ormoni della gravidanza (soprattutto il progesterone), le pareti venose si rilassano, sono meno toniche e di conseguenza tendono a "sfiancarsi" più facilmente.

Con il procedere della gestazione, soprattutto a partire dal sesto-settimo mese, il disturbo viene accentuato dall'aumentato peso dell'utero che, comprimendo le vene presenti nel bacino, ostacola il ritorno sanguigno anche dalle vene del retto. Come conseguenza si viene a formare un ristagno di sangue che preme sulle pareti venose dilatandole ulteriormente.

La frequente comparsa di stitichezza, che comporta uno sforzo maggiore nel momento della defecazione e il maggiore afflusso di sangue a livello genitale contribuiscono a peggiorare la situazione. Le emorroidi in genere provocano, nella regione anale, senso di pesantezza, prurito, fastidio, dolore con sensazione di bruciore, spesso con sanguinamento nel momento della defecazione (dovuto alla rottura delle piccole dilatazioni venose per lo sforzo).

Per contrastare il problema occorre prevenire la stitichezza con una dieta adeguata, ricca di liquide e fibre (soprattutto frutta e verdura), in modo da mantenere le feci sempre morbide. E' buona norma praticare un'attenta pulizia locale lavandosi con acqua tiepida e sapone a pH leggermente acido ogni qualvolta si va di corpo. Per alleviare il fastidio esistono inoltre delle creme specifiche a base di ossido di zinco, eparina, escina o estratti vegetali a base di ippocastano.

20/8/2000

9/5/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Emorroidi in gravidanza"

Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.
Ha le emorroidi
E' normale avere le emorroidi a tredici anni?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Bambini e animali domestici
Un animale domestico è uno stimolo per la crescita di ogni bambino. I consigli degli esperti sull'igiene da tenere in casa con un animale.
La crosta lattea
La crosta lattea: da che cosa è causata, come si manifesta e come si cura.
Le si stanno sgretolando i denti da latte
A tre anni le si sgretolano i denti da latte. Il consiglio del dentista è quello di intervenire immediatamente.
Diabete in gravidanza
In gravidanza vanno distinti due diversi tipi di diabete: quello preesistente e quello gestazionale.
Seno ingrossato nel neonato
È normale che il neonato abbia il seno ingrossato. Si tratta della crisi genitale, un fenomeno ormonale che passerà da solo.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore