ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Le voglie durante gravidanza

Le voglie durante la gravidanza indicano il desiderio improvviso, insopprimibile e urgente di un cibo particolare. Sono frequenti in molte donne.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Si chiamano “voglie” e sono ben note alla maggior parte delle donne che hanno avuto figli. Indicano il desiderio improvviso, insopprimibile e urgente di un cibo particolare.

Secondo la tradizione, se questo desiderio non viene soddisfatto il bambino nascerà con una “voglia”, cioè una macchia  che, per forma e colore, ricorderà quell’alimento. La scienza smentisce ogni collegamento tra i desideri insoddisfatti della madre e le eventuali manifestazioni cutanee del bambino che, in termini medici, hanno il nome di “angiomi”.

Non è del tutto chiaro che cosa provochi questi stravaganti desideri alimentari. La scuola più incline alla psicologia li fa risalire alla sfera psichica inconscia della donna, che manifesta così il bisogno di sentirsi coccolata e protetta in un momento di particolare fragilita’. Una specie di capriccio con motivazioni profonde.

La scuola più strettamente medica li imputa invece alla "tempesta ormonale" che colpisce la donna nei primi mesi della gravidanza  e alla quale l’organismo risponde con una serie di fenomeni di adattamento tra cui un alternarsi di nausea, senso di pienezza gastrica, scarso appetito e il cosiddetto “stato gastronomico sognante”.

Questa definizione  delinea  appunto il cambiamento disordinato dei desideri alimentari, per cui accade che cibi fino a poco prima gustati volentieri diventino insopportabili e che si senta il desiderio di particolari alimenti dolci, salati o acidi, prima lontani dalle nostre abitudini.

Probabilmente  c’è qualcosa di vero in entrambe le spiegazioni e quindi, nei limiti del possibile, ci si può concedere di soddisfare questi piccoli desideri.

24/11/2009

19/6/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Le voglie durante gravidanza"

Le voglie in gravidanza
Si chiamano voglie quegli improvvisi, irresistibili, urgenti desideri di qualche cibo particolare.
Angioma piano
L'angioma piano è la cosiddetta voglia di vino o di fragola. Se è molto vistoso l'unica terapia è quella chirurgico-plastica, altrimenti basta la laserterapia.
Quale terapia per l'angioma rilevato?
Dalla nascita ha due angiomi di cui il primo, è rilevato e di colore rossastro, sulla schiena. Il trattamento consigliato dal chirurgo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Fotografare un neonato con il flash
Non esiste alcuna ragione per temere effetti negativi da flash di una macchina fotografica.
La parotite
La parotite è una malattia virale, trasmessa mediante le goccioline di saliva. Il periodo di incubazione della malattia è in genere compreso fra 14 e 21 giorni.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo