ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Libri e riviste

leggere insieme

Alfonso Gatto - A mio padre

"Com'è bella la notte e com'è buona ad amarci così con l'aria in piena fin dentro il sonno".

a cura di: Prof.ssa Lucia Varrasi

Se mi tornassi questa sera accanto lungo la via dove scende l'ombra azzurra già che sembra primavera, per dirti quanto è buio il mondo e come ai nostri sogni in libertà s'accenda di speranze di poveri di cielo io troverei un pianto da bambino e gli occhi aperti di sorriso, neri neri come le rondini del mare. 
Mi basterebbe che tu fossi vivo, un uomo vivo col tuo cuore è un sogno.                                                                                          Ora alla terra è un'ombra la memoria della tua voce che diceva ai figli:                                                                                         "Com'è bella la notte e com'è buona ad amarci così con l'aria in piena fin dentro il sonno". Tu vedevi il mondo nel plenilunio sporgere a quel cielo, gli uomini incamminati verso l'alba.

ALFONSO GATTO nasce a Salerno nel 1909 e vive attivamente il clima culturale fiorentino attraverso la rivista letteraria "Campo di Marte". In questo periodo scrive le raccolte "Isola" e "Morto ai paesi". In seguito, pur non allontanandosi dalla originaria esperienza poetica, inserisce nella sua lirica un forte impegno sociale. Tra le varie raccolte, "Amore della vita", "Il capo sulla neve", "La forza degli occhi", "Poesie d'amore", in cui unisce all'amore il ricordo dell'infanzia e della sua terra d'origine. In questa poesia è rappresentato il padre in un ritratto che ne mette in evidenza i caratteri della personalità : la sua figura appare nitida nella memoria, come guida sicura nel difficile cammino della vita. Se il padre fosse ancora vivo, il poeta potrebbe confidargli i propri dolori e le proprie speranze, come faceva un tempo, e riscoprire il vero significato del sorriso e del pianto, della bellezza della vita, della continua ricerca di verità che la caratterizza. Ma nessuna morte potrà mai togliere al poeta gli insegnamenti che il padre gli ha lasciato e i sogni di libertà che, nel "buio" di alcuni momenti dell'esistenza e nelle difficoltà, riescono ancora a trasmettergli serenità e sicurezza.

23/1/2002

23/1/2002

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Non si stacca mai dal ciuccio e dalla sua coperta
Come posso rendere indipendente il mio bambino dal suo ciuccio e dalla sua coperta? I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte