ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Test del sudore

Il test del sudore è l'esame per scoprire la fibrosi cistica o mucoviscidosi. Si ricercano il sodio e il cloro nel sudore. I sintomi che portano il Pediatra a richiedere il test del sudore.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Circa dieci giorni orsono mia figlia, che ha otto mesi e pesa 6.8 kg, è stata ricoverata per tre giorni in ospedale per scarso accrescimento. Dopo una serie di esami del sangue, urine e feci (risultati tutti peraltro negativi), il pediatra dell'ospedale ha consigliato un "esame del sudore". Di che cosa si tratta? Come viene eseguito? Che informazioni può dare?

Il test del sudore é un test di laboratorio che permette di diagnosticare con sicurezza la fibrosi cistica o mucoviscidosi.

Quest'ultima é una malattia ereditaria caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni cistico-fibrotiche progressive, in particolare a carico del pancreas e dei bronchi; nel bambino piccolo può manifestarsi con una stentata crescita ponderale per cui il test è considerato tra quelli di routine nell’inquadramento di un lattante che cresce con difficoltà. Il test del sudore consiste in tre procedure principali: la stimolazione del sudore, la sua raccolta e la sua valutazione analitica.

La mucoviscidosi è infatti caratterizzata dal riscontro di elevati valori di sodio e di cloro nel sudore dei pazienti affetti dalla malattia. Il metodo maggiormente affidabile per eseguire il test é la iontoforesi pilocarpinica secondo la tecnica proposta nel 1959 da due studiosi, Gibson e Cooke.

Il test prevede una serie di passaggi qui di seguito riportati:

  • si colloca una striscia di carta assorbente, impregnata di una soluzione di nitrato di pilocarpina (una sostanza che favorisce la produzione di sudore da parte delle ghiandole sudoripare) su un avambraccio;
  • si appone un elettrodo sulla carta assorbente, che deve avere dimensioni lievemente superiori a quelle dell'elettrodo in modo che quest’ultimo non venga a contatto diretto con la pelle;
  • si mette una seconda striscia di carta assorbente, impregnata di una soluzione salina, su una zona cutanea dello stesso avambraccio, su cui viene posto un secondo elettrodo;
  • si collegano i due elettrodi (al polo positivo l'elettrodo con la soluzione pilocarpinica e al polo negativo quello con la soluzione salina) ad un apparecchio in grado di far passare un flusso di corrente di 2 mA per un periodo di circa 5 minuti; questa corrente elettrica, che è a bassissimo voltaggio e perciò non viene avvertita dal bambino, permette alla pilocarpina di penetrare rapidamente all’interno della cute si tolgono gli elettrodi con la sottostante carta assorbente;
  • dopo aver accuratamente pulito con acqua distillata la cute stimolata con la pilocarpina si passa alla procedura per la raccolta del sudore si ricopre la limitata zona cutanea, in cui è penetrata la pilocarpina, con un'altra porzione di carta assorbente, precedentemente pesata, che viene ricoperta con una mantellina di plastica strettamente fissata alla cute tramite nastro adesivo;
  • al termine del periodo di raccolta, della durata di 30 minuti, la carta assorbente viene rimossa e ripesata per determinare la quantità di sudore raccolto; per una misurazione corretta tale quantità non dovrebbe essere inferiore ai 100 mg; si esegue il dosaggio quantitativo del contenuto di cloro e di sodio del campione.

Il test si considera negativo (e perciò il bambino sicuramente non è affetto da fibrosi cistica) se i valori dei due elettroliti sono inferiori ai 40 mEq/l, dubbio (con la necessità di ripetere il test) se i valori sono compresi tra 40 e 70 mEq/l, ed infine patologico se i valori superano i 70 mEq/l.

1/11/1997

1/9/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Test del sudore"

Lega Italiana Fibrosi Cistica
Una associazione ONLUS per i genitori ed i medici.
Broncopolmonite ricorrente nei bambini
La broncopolmonite nei bambini è una malattia frequente. Se si ripete spesso, può esserci un problema di allergia o di difese immunitarie.
Malassorbimento intestinale
Il malassorbimento intestinale è una situazione in cui l'intestino non è più capace di assorbire le sostanze nutritive.
Nuove terapie per la fibrosi cistica
la fibrosi cistica è la più comune delle malattie genetiche gravi. Nel mondo ne sono colpite circa 100.000 persone. Le nuove terapie.
Screening neonatale della fibrosi cistica
La fibrosi cistica (FC) è una malattia congenita, cronica.
Mucoviscidosi: aspettativa di vita
La fibrosi cistica o mucoviscidosi è una malattia ereditaria caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.
Neonato che dorme nel lettino
Non esistono controindicazioni a fare dormire un neonato da subito nel lettino. Può essere utile l'uso del riduttore per sentirsi più "contenuti".
Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte