ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Iniezioni di collagene per il reflusso vescico-ureterale

Ci hanno proposto la correzione del reflusso delle vie urinarie con un'iniezione di collagene ha permesso di trattare reflussi di II, III e talvolta anche di IV grado.

a cura di: Dott. Marcello Cimador (chirurgo pediatra)

A mio figlio Alberto di 20 mesi è stato diagnosticato all’età di 4 mesi, a seguito di una ecografia di screening convalidata poi da cistografia minzionale, un reflusso vescico-ureterale sinistro di II-III grado. Da allora è in profilassi con [antibiotico], non ha presentato infezioni delle vie urinarie (ogni mese viene realizzata urinocoltura) e l’accrescimento è stato regolare (peso 13,3 kg altezza 90 cm). A distanza di 8 mesi Alberto viene sottoposto ad accertamenti strumentali (cistografia ed ecografia) per rivalutare il reflusso. Dopo gli ultimi accertamenti data la persistenza del reflusso vescico-ureterale sinistro di II-III grado, ci hanno proposto in alternativa alla prosecuzione della profilassi antimicrobica il trattamento endoscopico del reflusso mediante iniezione subureterale di collagene bovino. Ad Alberto prima del trattamento verrebbe eseguito un test cutaneo per scoprire eventuali allergie al collagene bovino. Al fine di valutare al meglio l’alternativa propostaci, vorrei conoscere il suo parere riguardo al suddetto tipo di trattamento endoscopico e alla prosecuzione della profilassi antibiotica. In particolare, vorrei anche conoscere le percentuali di successo del trattamento endoscopico e quali sono i rischi che potrebbero essere correlati ad una iniezione di collagene bovino. Infine le chiederei anche se esistono altri validi trattamenti oltre quelli propostoci e l’indicazione, a livello nazionale, dei presidi medici ritenuti eccellenti per trattare la patologia di Alberto.

Il reflusso vescico-ureterale, ovvero il passaggio "retrogrado" di urine dalla vescica all'uretere e, nei casi più gravi, in alto fino al rene, è dovuto ad un anomalo o ad un ritardo di sviluppo della giunzione uretero-vescicale.
Una delle teorie, che cercano di spiegare il perchè del reflusso, sostiene che la causa potrebbe risiedere in un'assenza di rigidità della parte vescicale (in questo caso chiamata trigono vescicale) proprio al di sotto del meato (lo sbocco dell'uretere in vescica) ureterale, che impedirebbe la completa chiusura del meato stesso durante la minzione. L'iniezione subureterale per via endoscopica di collagene bovino, tecnica chiamata SCIN, è una procedura di recente acquisizione che ha permesso di trattare, e in molti casi di risolvere, reflussi di II, III e talvolta anche di IV grado senza ricorrere alla tecnica chirurgica cosiddetta "open" di reimpianto ureterale, nella quale è invece necessario "aprire" la parete addominale e quindi in successione la parete vescicale. Essa consiste nell'iniettare attraverso un cistoscopio, in anestesia generale, una piccola quantità di sostanza (il collagene) proprio al di sotto dello sbocco vescicale dell'uretere refluente, ripristinando quella rigidtà parietale del trigono cui si accenneva in precedenza.

Ciò consente di correggere il reflusso. Poichè si tratta di una proteina "eterologa" di origine bovina, essa può provocare delle reazioni allergiche, a volte anche gravi e per tale ragione prima dell'iniezione endoscopica "testiamo" la reattività del bambino con una prova di sensibilizzazione (una piccola quantità di collagene viene iniettata nel sottocute dell'avambraccio) e quindi con la determinazione di alcuni anticorpi detti IgE. La negatività dei tests ci mette al sicuro da reazioni anafilattiche al momento dell'iniezione. La profilassi antibiotica, (il cui scopo è di evitare il verificarsi di infezioni urinarie, vero pericolo a cui espone il reflusso) viene consigliata per periodi fino a 6 mesi, nei reflussi fino al III grado nell'attesa che la giunzione uretero-vescicale giunga a quella maturazione anatomo-funzionale che ripristini la situazione di normalità. Questa maturazione talvolta "può" verificarsi entro i primi due anni di vita.

Nel caso proposto l'iter è stato rigorosamente corretto ed il reflusso di II - III grado, già sottoposto a profilassi, che non si è risolto spontaneamente, va giustamente trattato con l'iniezione di collagene. Nella nostra esperienza abbiamo trattato con questa tecnica 63 ureteri, con risultati positivi nell' 85,7% ad 1 mese dal trattamento e dell'83,4% dei casi in follow-up da 3 a 6 anni.

1/3/1998

3/10/2015

I commenti dei lettori

Anche a mio figlio, ora di quattro mesi e mezzo, a 20 giorni dalla nascita è stata riscontrata un'infezione alle alte vie urinarie, che dopo ecografia e cistografia è stata valutata come RVU di IV grado. Dopo aver fatto dieci giorni con dose piena di antibiotico CEFIXIMA, sta continuando una profilassi serale con lo stesso antibiotico di 3mg per ogni chilo (alla nascita pesava 3,3kg ora pesa 8,6kg). Ha appena eseguito un'ecografia dalla quale risulta una situazione stabile e quindi ancora di IV grado, la prossima tra quattro mesi. Presenta una dilatazione dell'uretere sinistro (0,80cm), il rene sinistro è prevalentemente più grande (7,38 cm contro i 6,03 cm del destro), spessore corticale sinìstro 1,4cm, destro 1,16cm. Non deve mensilmente eseguire l'esame delle urine ma solo in caso di sospetta infezione, mentre a sei mesi dovrà fare un esame del sangue con controllo di creatinina e azotemia, e all'età di un anno dovrà nuovamente cistografia. Il bambino cresce bene, ha sempre appetito, non capisco peró se abbiamo buone speranze che con la crescita si possa risolvere spontaneamente oppure se anche lui dovrà ricorrere ad un intervento chirurgico. Viviamo sempre con la paura che possa tornare un'infezione e soprattutto che debba tornare in ospedale (alla prima è stato ricoverato dodici giorni). Ci hanno detto che al minimo sospetto in presenza di febbre dovremo eseguire esame urine con urinocoltura, partire con dosaggio pieno di antibiotico e andare dal pediatra senza fiondarci al pronto soccorso, questo mi fa sperare che la cura potremmo farla anche stando a casa.

Debby 22/06/2012

Mia figlia è stata trattata bilateralmente per via endoscopica con collagene, a destra per reflusso di secondo grado e a sinistra di quarto. Inizialmente la cosa è andata bene, maora dopo due anni (la bimba ne ha 5) a destra è praticamente guarita ma a sinistra probabilmente il materiale ha chiuso troppo il canale e l'uretere si è dilatato cm 2,3 e quindi siamo in attesa di prericovero per intervento tradizionale....

barbara (MI) 06/02/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Iniezioni di collagene per il reflusso vescico-ureterale"

Doppio distretto renale
E' importante conoscere la funzionalità renale di ogni distretto e la valutazione migliore è data dalla scintigrafia.
Nefropatia
Dopo un intervento tradizionale per reflusso, le sono rimasti danneggiati i reni.
La pielonefrite
Una importante infezione del rene.
Infezione da Proteus
Il Proteus può causare sia infezioni disseminate nel neonato (sepsi) che infezioni delle vie urinarie nel bambino più grande.
Infezione delle vie urinarie
Infezione alle vie urinarie: una ricaduta nonostante fosse sotto copertura antibiotica.
Infezioni delle vie urinarie
Soffre di infezioni delle vie urinarie. Cosa fare oltre l'esame delle urine?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta