ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Broncopolmonite ricorrente nei bambini

La broncopolmonite nei bambini è una malattia frequente. Se si ripete spesso, può esserci un problema di allergia o di difese immunitarie. Cosa fare per prevenire la broncopolmonite.

a cura di: Dott. Saverio Mirabassi (pediatra)

Mia figlia di cinque anni ha già avuto sei volte la broncopolmonite, alcune conseguenti a malattie infettive, altre dopo semplici raffreddamenti, le ultime due volte nell'arco di un mese. Vorrei sapere se ci sono esami specifici o altro per cercare di prevenirle. Il pediatra sostiene che, avendo avuto la prima a solo un anno e mezzo, la situazione è nella norma essendo debole di polmoni. E' vero?

La lettura della domanda in questione apre una serie di interrogativi che non possono prescindere dal disporre di notizie molto più approfondite di quelle che il genitore che invia il quesito ha fornito. Mancano dati riguardanti almeno:

  • l'evidenza radiologica di queste broncopolmoniti (tutte le volte c'è stato addensamento radiologicamente dimostrabile oppure la diagnosi è stata fatta solo attraverso l'ascoltazione di rantolini fini al torace, più o meno diffusi o localizzati?)
  • la localizzazione delle stesse (stesso segmento polmonare o segmenti diversi?)
  • l'età della piccola paziente quando si è ammalata
  • i sintomi di esordio
  • la ripetitività degli episodi (a parte gli ultimi due, verificatisi in un mese)
  • l'eventuale co-patologia, cioè presenza di una "malattia" di base che rende il bambino più soggetto ad ammalare di forme di questo genere
  • quali malattie infettive sembrano essere state la causa di episodi di broncopolmonite
  • quale è stata la terapia effettuata (antibiotico e suo dosaggio) e per quanto tempo è stata condotta la stessa.

Prima di tutto bisogna ricordare che la broncopolmonite è una malattia frequente in pediatria: e da quando è altrettanto frequente l'uso della radiografia, non come esame mirato (cioè effettuato con finalità diagnostiche su forte sospetto clinico) ma anzi richiesto anche in assenza di segni clinici suggestivi per un fatto respiratorio delle basse vie respiratorie in atto, magari in caso di sola febbre alta senza sintomi respiratori, è evidente che spesso ci si può trovare davanti a diagnosi radiologiche che hanno ben poca importanza clinica e prognostica.

Forse parte degli episodi riportati dal genitore rientrano in questa categoria di "broncopolmoniti", e di conseguenza (pur in mancanza di dati, come dicevo prima) si può pensare che le broncopolmoniti evidenziatesi dopo "raffreddamenti" possano essere forme virali, che solitamente non sono particolarmente importanti nel bambino immunocompetente (quindi sano e capace di reagire adeguatamente ad una aggressione di agenti infettanti).

Esami specifici per valutare la situazione: penso che sia logico controllare lo stato immunitario della paziente, ed escludere la presenza di malattie non note che possano essere causa di ripetitività di questi episodi. A questo proposito ricordo alcuni stati patologici che sono causa di polmonite ricorrente:

  • fibrosi cistica (è una malattia ereditaria) alterazioni dell'immunità (cioè della produzione di anticorpi, per intendersi)
  • alterazioni della funzione dei globuli bianchi (quelle cellule del sangue deputate alla difesa contro aggressioni da parte di microrganismi patogeni)
  • alterazioni anatomiche del polmone (che comunque possono essere sospettate dal Radiologo durante la lettura di una radiografia)
  • inalazione di un corpo estraneo reflusso gastro-esofageo.

Evidentemente, nel caso di sospetto di una delle condizioni appena elencate, è doveroso impegnarsi in uno sforzo di approfondimento diagnostico Non penso di essere d'accordo con la conclusione del Collega (ma, ripeto, i dati a disposizione sono molto scarsi per farsi un'idea della condizione della piccola paziente) che dice "avendo avuto la prima a solo un anno e mezzo la situazione è nella norma essendo debole di polmoni".

Riguardo poi alla prevenzione dei fatti broncopolmonitici, penso che prima di tutto sia necessario (se non è già stato fatto, e magari non riferito nella lettera di domanda) inquadrare correttamente il problema con indagini di laboratorio e radiologiche, dopodiché l'atteggiamento da tenere potrà essere definito in base ai risultati delle analisi mirate.

11/7/2001

26/2/2016

I commenti dei lettori

mio figlio 3 anni 2 polmoniti settembre e gennaio, fatti esami micoplasma e clamidia negativi, ora analizzeremo l'immunità!

carla (CU) 11/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Broncopolmonite ricorrente nei bambini"

Deficit di IgA
Il deficit di IgA è certamente la forma più comune di immunodeficienza, al punto da poterla considerare quasi una variante della popolazione normale.
Soffre di bronchiti ricorrenti
Soffre di continue bronchiti con broncospasmo. E' una patologia tipica del bambino da 1 a 5 anni. Non sempre serve l'antibiotico.
Al nido da piccoli
I bambini al nido si rinforzano o semplicemente si ammalano più spesso? Il consiglio del Pediatra.
Convalescenza: quanto deve stare a casa dopo la malattia?
La convalescenza è un periodo di "riposo" dopo una malattia, che consenta al bambino di recuperare le forze. I consigli sulla durata della convalescenza.
La tosse
Non presenta alcun sintomo di raffreddore, ma quando dorme, fa due e tre colpi di tosse. Quale può essere la causa?
Tosse secca
Talvolta dietro una tosse secca continua, fastidiosa e soprattutto notturna, può esserci una crisi d'asma.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Lo sviluppo del disegno infantile
Lo sviluppo del disegno infantile: Le tappe evolutive del bambino per quanto riguarda il disegno e il colore.
Prevenzione con vitamina K e D nel neonato
La prescrizione in un neonato di vitamina K e D è in accordo con le indicazioni della Comunità Scientifica Nazionale e Internazionale.
Tubercolosi
Un caso di tubercolosi a scuola. Quali sono i rischi per i compagni di scuola?
Bruciore di stomaco in gravidanza
E' possibile che la mamma in gravidanza soffra di bruciori di stomaco e di rigurgiti acidi dopo i pasti.
Polmonite da Legionella
Quali sono le cause della polmonite da Legionella? La malattia è rara in età pediatrica.

Quiz della settimana

Quale anomalia dei cromosomi caratterizza le persone affette dalla sindrome di Down?
Hanno 21 cromosomi
Hanno un cromosoma 21 in meno
Hanno un cromosoma 21 in più
Sono privi di entrambi i cromosomi 21