ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Da quando va al nido soffre di infezioni ricorrenti

È normalissimo che la bambina soffra di infezioni ricorrenti: vengono ritenuti normali anche nove episodi durante il primo anno di frequenza del nido.

a cura di: Dott. Rodolfo Varani (pediatra)

Mia figlia, che ha 14 mesi, va al nido da quando ne aveva nove ma, in questo periodo, è stato più il tempo passato a casa che quello al nido. In cinque mesi ha preso quattro volte gli antibiotici e quattro volte il cortisone per otiti e broncospasmo. I due pediatri che consulto normalmente mi hanno ormai scoraggiata fortemente sulla scelta del nido, dicendo che sono molti di più gli svantaggi dei vantaggi e che mia figlia ha chiaramente dimostrato di avere un sistema immunitario particolarmente debole, che non si sta abituando a vivere in comunità. Il consiglio che vorrei avere è se continuare a perseverare nella scelta del nido, pensando che tutto quello che il sistema immunitario affronta adesso non lo affronterà più dopo (ad esempio con l'ingresso alla scuola materna) oppure se desistere e scegliere una soluzione tipo baby-sitter, che la preservi maggiormente dal contatto con gli altri. Premetto che la scelta del nido non è economica ma di principio, in quanto credo molto che la vita di comunità aiuti fortemente la crescita del bambino sia in termini di socievolezza che di autonomia.

Il problema del nido è un problema mondiale che interessa tutto il mondo industrializzato dove i genitori debbono lavorare in due ed i nonni non possono accudire i nipotini. È normalissimo che la bambina si sia ammalata così di frequente: vengono ritenuti normali anche nove episodi al primo anno. È anche normale che si debba ricorrere un po' più spesso agli antibiotici perché l'età del lattante è un po' più indifesa delle età successive ed il pediatra, di fronte ad un lattante febbrile, ha più rischi di complicanze che di fronte ad un bambino di tre anni.

Ai miei assistiti, che mi annunciano che dovranno mandare al nido il loro bambino di pochi mesi, dico (scherzando) che i miei capelli bianchi me li hanno fatti venire i bambini che vanno al nido perché ammalano ogni 15 giorni il primo anno. Alle mamme che mi dicono quando finirà la tosse del loro bambino rispondo che in genere, nel primo anno di nido, durerà dal 15 di settembre fino al 15 di giugno, ad andare bene. Tuttavia li consolo dicendo che, alla fine, superati i primi due anni, i bambini ammaleranno molto di meno e saranno come gli altri.

È certo che, se fosse possibile, l'inizio della socializzazione del bambino andrebbe ritardata a tre anni ma i bambini del nido escono fuori alla fine come gli altri. Spiego ai genitori che tutti noi dobbiamo riempire un "bidone" con 17 - 18 malattie tipiche della infanzia e che, una volta riempito, non c'è più posto per altre malattie. In un modo più scientifico: quando hanno contratto le 17 - 18 malattie dei bambini (in gran parte infezioni delle prime vie respiratorie con febbre, tosse e raffreddore) e si sono formati i loro anticorpi non ammaleranno più. In effetti, pur essendo quasi tutte uguali queste infezioni hanno un numero "di targa" diverso e l'organismo fa gli anticorpi in base al numero di targa. È per questo che apparentemente il bambino sembra che non sia curato bene e che ricada per la stessa malattia ma, in effetti, si tratta di forme diverse come targa anche se uguali come sintomatologia: due o tre giorni di febbre, sei o sette giorni di tosse e raffreddore. Non a caso i bambini si dicono "mocciosi".

È vero che il bambino a 7 - 8 mesi ha un sistema immunitario ed anche una anatomia delle prime vie aeree che comportano una più accentuata sintomatologia delle infezioni contratte ma, alla fine, a tre anni, quando passano alla scuola materna, prenderanno una forma su tre o quattro che invece contraggono i bambini che iniziano a tre anni, per il semplice fatto che ricorderanno il numero di targa (anticorpi) delle malattie già prese, si difenderanno da queste e non si ammaleranno. Quindi anche se è una disperazione avere un bambino che frequenta il nido è solo questione di tempo e, riempito il famoso bidone, il bambino sarà sempre meno "moccioso". Questo nella gran parte dei casi, ma esistono dei casi di bambini che si è costretti a togliere dal nido e reintrodurre negli anni successivi. Quindi è solo questione di avere pazienza, di sapere che al nido ci si ammala spessissimo il primo anno (anche ogni 15 - 20 giorni in inverno), spesso il secondo e poco il terzo anno.

14/5/2003

23/2/2015

I commenti dei lettori

salve. io ho un asilo nido, i miei bambini NON si ammalano al nido. si ammalano esclusivamente sabato e domenica e solo se stanno troppo fuori al freddo in questi giorni. Abbiamo un nido completamente a norma, anzi direi di più che “un semplice essere a norma”, riscaldamento e rinfrescamento a pavimento (temperatura costante 22 gradi), 3 deumidificatori che abbiamo pagato ben 10 mila euro, requisiti di clima acustica eccellenti (siamo l’unico asilo che in possesso anche di certificato). Non starò qui ad elencare tutto quello che abbiamo fatto per nostri bimbi, dico solo che anche ASL ci ama tanto, nel vero senso della parola. Comunque, salute dei bimbi dipende moltissimo e soprattutto dalla pulizia e disinfestazione QUOTIDIANA ( ESEMPIO: lavare i giochi TUTTI I GIORNI, igiene nel “fare la pappa”)!   Ma anche dalle persone che ci lavorano dentro. Cari genitori, quando cercate un nido per vostri bambini, informatevi sulle cose come: IGIENE E PULIZIA, DA QUI CHE PARTONO MOLTE MALATTIE. CHIEDETE DI VISIONARE IL VERBALE DEL ASL AGGIORNATO! E' IMPORTANTE!

Happy baby (BS) 17/12/2010

signor Happy Baby, per cortesia non ci venga a raccontare che i nostri figli si ammalano perchè vivono in case sporche!! casa mia è pulitissima, ho anche io deumidificatore e nel primo anno sterilizzavo ogni cosa, eppure il bambino al primo anno di asilo è stato raffreddato fino a luglio come dice il ped sopra; dal primo giorno a casa è stato meglio e ora che ha ripreso da 2 settimane ha di nuovo il raffreddore. 

per cortesia, ci eviti la pubblicità al suo nido e non raccontiamoci la balla dell'igiene, i virus sono virus per tutti, sono nell'aria! (o lei ha nel suo asilo un mega aspiratore cosmico per i bacilli che girano nel pianeta ??)

alice (FC) 07/10/2011

CIAO, IO HO DUE BIMBI, IL PRIMO PER QUESTI STESSI PROBLEMI LO ABBIAMO RITIRATO DAL NIDO, E' STATO POI BENISSIMO ED ALLA MATERNA SI E' AMMALATO 1 O AL MASSIMO 2 VOLTE AD INVERNO. CON IL SECONDO BIMBO STIAMO DECIDENDO DI TENERLO A CASA ALMENO NEI 2 MESI (GENNAIO E FEBBRAIO) PIU' DIFFICILI. IO CREDO SIA L'UNICA SOLUZIONE PER LORO E ANCHE PER NOI CHE NON DOBBIAMO LITIGARE OGNI MATTINA SU CHI SI PRENDE UN PERMESSO

25/01/2012

Io posso solo dire che ho tenuto a casa mia figlia fino ai 19 mesi e da quando ha iniziato ad andare al nido è un gran casino.. ma penso sia normale. Asilo happy baby, se pulite e sterilizzate tutto meglio, ma non potete dirmi che i bambini si ammalano perchè i genitori li portano fuori!!Che novità, ma certo che li portiamo mica possiamo lasciarli tutto il giorno chiusi in casa o al nido, anzi informatevi perchè in Svezia i bambini fanno lezione a -10 gradi all'aperto altrimenti diventerebbero rachitici!! i bambini hanno bisogno di quel poco di sole del week end soprattutto in inverno, la vitamina d li aiuta a crescere sani e forti è chiaro che non bisogna lasciarli tutto il giorno fuori ma uscire gli fa benissimo. Concordo ccon voi solo sul fatto di scegliere bene l'asilo, è vero, gli umidificatori e il ricaldamento a pavimento iutano molto, e anche diisfettare tutto con la candeggina e areare i locali aiuta. il mio nido io l'ho scelto anche per questo. saluti

charl (MI) 18/11/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Da quando va al nido soffre di infezioni ricorrenti"

Asilo o baby-sitter?
Asilo o baby-sitter: una scelta difficile per la mamma che lavora. I consigli della psicologa.
Pro e contro l'asilo nido
La scelta di mandare all'asilo nido bambini anche molto piccoli è un'esigenza "moderna". I consigli del Pediatra.
Scuola materna, scuola elementare
Secondo voi è importante scegliere una scuola materna che offra la continuità con la scuola elementare? I consigli della psicologa.
Aggressività alla scuola materna
Alla scuola materna picchia gli altri bambini, anche quelli più grandi, senza motivo. I consigli su come fargli superare questa fase di aggressività.
Prima di iniziare la materna stava sempre bene
Esistono numerosi motivi per spiegare perchè il piccolo sia più esposto ad episodi infettivi.
Scuola materna o nido
Mio figlio ha un ritardo nel linguaggio e preferirei che frequentasse ancora un anno di asilo nido, prima di mandarlo alla materna. I consigli della psicologa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta