ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

E' angosciata dalla scuola materna

La mia bambina di tre anni e mezzo manifesta crisi d'angoscia alla scuola materna al momento del distacco.

a cura di: Dott.ssa Loredana Piratoni (psicologa)

La mia bambina di tre anni e mezzo manifesta crisi d'angoscia al momento del distacco, alla scuola materna. Devo insistere o è meglio tenerla a casa? Il disagio si riflette sul sonno notturno, agitato e frequentemente interrotto. Con che cosa posso aiutarla?

Spesso, come in questa situazione, la scuola materna diventa l'elemento perturbatore di un ideale equilibrio della coppia "mamma-figlio". In realtà questa è una coppia molto chiusa in se stessa, e se questo equilibrio è adatto alle esigenze di crescita dei primi sei mesi di vita di un lattante, dopo diventa alquanto limitante, poiché un bimbo ha bisogno, per crescere, di imparare a relazionare con gli altri.

Immagino che la lettrice, non lavorando, venga assalita dai sensi di colpa per i pianti della figlia (e che magari venga anche rimproverata dal marito, dalla suocera e da qualche intima "amica"), e che quindi tenda a minimizzare gli effetti benefici della scuola materna.

Questa bimba ha bisogno, più degli altri, dell'asilo: deve imparare a contenere le sue crisi d'angoscia, deve imparare a trattare con altri adulti e a giocare con i coetanei. E' pacifico che, fino a che piange, non apprezzerà niente di tutto questo. Ma deve imparare anche a smettere di piangere, e a trovare consolazione.

13/3/2000

22/9/2015

I commenti dei lettori

ANCHE MIA FIGLIA HA FOBIA DA DISTACCO,HA 4 ANNI è AL SUO SECONDO ANNO DI MATERNA MA ANCORA MANIFESTA CON IL VOMITO, TUTTE LE MATTINE IL SUO CHIAMAMOLO "DISAPPUNTO". ALLORA LA MATTINA SI SVEGLIA CON MOLTA CALMA, LA AIUTO A LAVARSI E A VESTIRSI, CON CALMA SI VEDE UN PO' LA TV E NON FA NESSUN TIPO DI CAPRICCIO, MI CHIEDE SOLO DI ASPETTARE LA FINE DEL CARTONE O DI LEGGERLE UNA FAVOLA PRIMA DI USCIRE TUTTO CON MOLTA PACATEZZA. SULLA PORTA TUTTA INCAPPUCCIATA POI MI CHIEDE DI TORNARE IN BAGNO A VOMITARE O IL SACCHETTO CHE IO ORMAI PREPARO PER EVITARE SORPRESE IN ASCENSORE O PER STRADA, PER VOMITARE. A VOLTE VOMITA A SCUOLA IN BAGNO SEMPRE CON ME PRIMA CHE LA LASCIO. LEI RICONOSCE CHE STA PER VOMITARE E RARAMENTE SI SPORCA. L'ANNO PASSATO PER QUALCHE MESE è ANDATA AVANTI QUESTA STORIA POI HA SMESSO, QUEST'ANNO AVEVA BRILLANTEMENTE INIZIATO L'ANNO SCOLASTICO POI UN EVENTO DI VOMITO E UNA BRUTTA SGRIDATA DA PARTE DELLA MAESTRA L'HA TRASCINATA DI NUOVO NEL PROBLEMA. MIA FIGLIA è MOLTO SENSIBILE, MOLTO INTELLIGENTE E STA CERCANDO DI VINCERE QUESTO SUO DRAMMA, CON IL NOSTRO AIUTO CHE NON FACCIAMO CLAMORI AL MOMENTO DELL'ACCADUTO Nè TANTOMENO COMMENTI, VIVIAMO QUESTO PROBLEMA DAVANTI A LEI COME SE FOSSE NORMALE. OVVIAMENTE ABBIAMO CHIESTO CONSIGLIO AD ESPERTI E STIAMO CERCANDO DI CAPIRE QUALE è LA VIA GIUSTA DA SEGUIRE. NON MANDARLA PIù A SCUOLA SAREBBE UNA SCONFITTA NON SOLO PER NOI MA SOPRATTUTTO PER LEI, PERCHè NON SI PUò AGGIRARE SEMPRE IL PROBLEMA MA AFFRONATNDOLO E SUPERANDOLO, SOLO COSì AIUTIAMO LA NOSTRA BAMBINA. MANDANDO A SCUOLA I NOSTRI FIGLI NON FACCIAMO ALTRO CHE AIUTARLI AD AFFRONTARE IL MONDO, IL FUTURO E LA VITA!!!!

leontina (RM) 16/11/2010

Forza Leontina! Non ti abbattare.

Grazie per il tuo intervento... ma attenzione: in internet scrivere tutto maiuscolo equivale a gridare! 

Lo staff di mammaepapa.it 16/11/2010

mio figlio di 4 anni frequenta il secondo anno di scuola materna; e' felice di andare a scuola la mattina....fino al momento in cui lo accompagno in classe...al momento del distacco comincia a piangere disperato,io esco e improvvisamente smette....rimango dietro la porta e vedo dal vetro che gioca felice con gli altri bimbi e con le maestre...se lo accompagna mio marito e' la stessa storia...non riusciamo a spiegarcelo!

ilaria (PI) 23/09/2011

CIAO HA TUTTI ,HO UNA BIMBA DI DUE ANNI E MEZZO....E NON RIESCE A SOPPORTARE L ASILO PIANGE NEL MIO DISTACCO,ANKE SE A DIR LA VERITA NON PENSAVO TUTTO QUESTO PERKE DAI PRIMI TRE MESI DI VITA L HO LASCIATA ALLA NONNA XIO LAVORO..E QUINDI PENSAVO PIU FACILE QUESTO APPROCCIO......A VOLTE IL MIO PENSIERO E QUELLO KE FORSE LE INSEGNANTI NON SONO POI KOSI DISPONIBILI XUNA BIMBA DI QUEST ETA VISTO KE E UNA SCUOLA STATALE,VORREI KAMBIARE SCUOLA KE NE DITE.......

25/09/2011

Salve! Mi unisco al problema dell'ultima mamma! Anch'io ho un bimbo di due anni e mezzo che frequenta quest'anno il 1° anno di scuola materna, ma non vuole andarci. Naturalmente lo mando tutti i giorni e tutti i giorni e la stessa cosa, piange, si lamenta, non si unisce agli altri bimbi, non partecipa, non gioca, sta in disparte, e quando lo vado a prendere lo trovo che piagnucola. Ma poi quando torna a casa, ritorna in sè, gioca, sorride..beh è naturale, è casa sua. Di per sè è un bimbo un pò solitario, anche qnd sta i bimbi che conosce, sì ci gioca un pò, poi però dopo va a giocare da solo ..... mi trovo un pò in difficoltà, forse è troppo presto per l'asilo.

(PE) 26/09/2011

Ciao! Anche mia figlia Giada di 3 anni fa storie tutte le mattine prima di recarsi all'asilo però lei mi dice che sia i suoi compagni che le sue maestre sono bravi. Il problema vero è che lei non vuole che vado a lavoro. Ho sempre lavorato e prima stava con i miei senza però farmi alcuna richiesta.  Inoltre le ho  già detto più volte che all'asilo deve andarci comunque anche quando la mamma resta a casa ma lei mi guarda con i suoi occhioni dolci e mi dice "perchè devi andare a lavoro?". Non so più cosa dire e fare. Io sono ottimista e sempre sorridente; infatti non voglio trasmetterle ansia. Solo c'è un problema...non sono io ad accompagnarla ed a recuperarla all'asilo ma se ne occupa la nonna che in realtà è molto ansiosa e vive male questo stato d'animo della bambina. Certamente non aiuta ma il lavoro non mi permette proprio di fare diversamente. Spero che fra pochi giorni il tutto si sistemi anche se sarà veramente dura. In bocca al lupo a tutte le mamme in situazioni simili.

Maria Grazia (MI) 09/11/2011

Ciao a tutte le mamme...anch'io ho un bimbo di 2anni e mezzo e a distanza di 2 mesi dall'inizio dell'asilo ancora piange anche se ci sono stati giorni in cui mi ha salutato tranquillamente,forse perchè è stato qualche giorno a casa che aveva la febbre,fatto sta che ogni mattina mi ripete che non vuole andarci...e piange. Le maestre mi dicono che quando è in "classe" sta tranquillo ma non gioca con i altri bimbi e sta in disparte...che devo fare?



Anina (MI) 22/11/2011

ho un bimbo di 4 anni molto senzibile ed educato la mattina appena si sveglia sapendo che deve andare a scuola si induce al vomito lo fa solo quando deve andare a scuola  inoltre ripete che ha paura dei bambini..

andrea (RM) 27/11/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "E' angosciata dalla scuola materna"

È aggressivo alla scuola materna
Un bambino aggressivo alla scuola materna: i consigli della psicologa per aiutare il bambino a risolvere questa situazione.
Al nido, comunque!
Mandarlo all'asilo nido anche se la mamma è a casa può essere una saggia decisione.
Prima di iniziare la materna stava sempre bene
Esistono numerosi motivi per spiegare perchè il piccolo sia più esposto ad episodi infettivi.
Convalescenza: quanto deve stare a casa dopo la malattia?
La convalescenza è un periodo di "riposo" dopo una malattia, che consenta al bambino di recuperare le forze. I consigli sulla durata della convalescenza.
Mi respinge!
Quando torno a casa la mia bambina mi caccia via e mi respinge piangendo.
Cambiare casa
Ci trasferiremo in una nuova abitazione. Cambiare casa sarà un trauma per il nostro bambino? Come affrontare questo periodo di stress.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana