ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Alimentazione nel bambino da uno a tre anni

A partire dal secondo anno di vita l'alimentazione si arricchisce offrendo alla mamma la possibilità di variare e rendere gustosi i pasti.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

A partire dal secondo anno di vita la dieta si arricchisce di nuovi alimenti e metodi di cottura, offrendo in tal modo alla mamma la possibilità di variare e rendere gustosi i pasti seguendo anche le tendenze del bambino. Occorre ricordare che la crescita ora procede con un ritmo molto più lento e che l'appetito del bambino può ridursi, variando spesso a seconda dei giorni e provocando qualche volta apprensione nelle madri. Inutile forzare il piccolo a mangiare contro la sua volontà perché spesso si rischia di rendere ancora più ostinati i suoi rifiuti. È importante che il piccolo si abitui progressivamente a mangiare da solo, in modo da raggiungere una maggiore autonomia e da sviluppare le proprie capacità manuali ricordando però che, non avendo ancora una buona coordinazione dei movimenti, è normale che il bimbo sparga il cibo tutt'intorno e si "sbrodoli" facilmente.

La dieta

Iniziare con una buona colazione. In questo periodo dovrebbe prevedere una prima colazione composta da una tazza di latte, meglio se senza zucchero, con l'aggiunta di 3-4 biscotti per l'infanzia o di alcuni cucchiai di cereali (corn flakes o fiocchi di mais), eventualmente arricchito con un po' di orzo solubile. In alternativa si può scegliere un latte di crescita che, essendo integrato con ferro, acidi grassi essenziali e vitamine, può maggiormente adeguarsi alle esigenze nutrizionali del bambino tra uno e tre anni di vita rispetto al latte vaccino.

A pranzo e a cena

I due pasti principali della giornata, il pranzo e la cena, dovrebbero proporre, come primi piatti, pastina o riso o tortellini, asciutti (al pomodoro o al burro e parmigiano) o in brodo vegetale o di carne. Il secondo piatto dovrebbe contemplare carne (almeno 3-4 volte alla settimana, all'inizio preferendo omogeneizzati con pezzettini, per meglio abituare il piccolo a masticare), pesce (2-3 volte ricordando che, per evitare il rischio di lasciare qualche lisca, si possono usare gli omogeneizzati di pesce a base di merluzzo, orata, salmone o trota), formaggi, meglio se magri (un paio di volte), uova (anche due volte alla settimana). Una-due volte si possono offrire salumi magri (come prosciutto cotto, crudo e bresaola) e 3-4 volte i legumi (fagioli, lenticchie, piselli) che, con il loro contenuto di proteine, si abbinano benissimo con i carboidrati presenti nella pasta e nel riso, e possono costituire un piatto unico completo dal punto di vista nutrizionale (ad esempio pasta e fagioli o riso con i piselli). I legumi possono anche essere cucinati sotto forma di purè (ad esempio di fagiolini o di piselli o di zucchine) o di creme, utilizzando allora come base omogeneizzati contenenti verdure e legumi.
Importante la verdura e la frutta. Sia a pranzo che a cena andrebbero somministrate le verdure, cotte e preparate a purea oppure a pezzettini o schiacciate. È noto che le verdure vengono spesso rifiutate dai bambini: allora è consigliabile offrire i tipi più dolci (come le carote e le patate) oppure impiegarle per preparare sughi o tortine, magari ricorrendo alle verdure sotto forma di omogeneizzato. Importante è l'assunzione, almeno due volte al giorno, di frutta, che è possibile somministrare, a seconda delle preferenze del bambino, fresca a pezzetti o sotto forma di spremuta o di frullato, proponendola a colazione, merenda oppure alla fine del pranzo o della cena.

La merenda

Infine a merenda è consigliabile offrire ancora latte o yogurt (al naturale o con frutta) o biscotti per l'infanzia o, come detto sopra, frutta (anche sotto forma di succhi) o merende e dessert appositamente studiati dall'industria per le esigenze energetiche di questa età.

29/10/2004

8/12/2013

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!

I commenti dei lettori

help!salve sono una mamma di una bambina di 1anno,pesa 9,300 ed è alta 75cm.io ho un problema! premettendo che ho allattata la mia bimba per 7mesi, sostituendo il latte materno con il humana digest (che non gradiva per nulla).a 9mesi,il mio pediatra mi ha inserito il latte vaccino zymil ,ma ancora la mia bimba non adorava il latte.compiuta l'anno la mattina rifiuta il latte, ma preferisce la pappa prestissimo (intorno alle 11) .io sono preoccupata  perchè oltre a non assume latticini, si può rovinare lo stomaco! come posso fare? potete aiutarmi?

cristina (CS) 09/08/2011

Ciao a tutti, anche il mio bimbo dopo l'anno di vita ha cominciato ad avere dei problemi con il latte di crescita. Si era sviluppata una intolleranza e per un periodo ha dovuto prendere il latte di soia. Ovviamente detestava il suo gusto e pur di fargli assumere una piccola quantità ho provato ad aggiungere un pizzico di nesquik che lo ha aiutato. Fortunatamente ha superato l'intolleranza e con l'introduzione del latte intero non abbiamo avuto più problemi.

Patrizia 15/09/2011

ciao a tutti ho un problemino la mia principessa a 25 mesi è alta 90 cm e pesa 16kg.gli ho esluso dall'alimentazione tutte le porcherie (cioccolati brioche e cosi via) integrando la frutta ma non scende di peso neanche di 100gr. vi prego qualche consiglio vi ringrzio stella '82

stella (VV) 23/03/2012

Mio figlio di 17 mesi rifiuta completamente il latte la mattina, ho provato ad integrarlo con biscotti, orzo ed altro ma non esiste niente che lo invogli. Mangia però ogni tipo di formaggio,yogurt, ricotta o altro simile. Ma la mattina a colazione cosa posso dargli in alternativa? grazie a tutti.

vale (CB) 05/04/2012

salve, volevo chiederle un consiglio ,il mio bimbo lo sta crescendo mia mamma, mio figlio ha 13 mesi e mia mamma quando lo cucina ci mette l'aglio e poi lo omogenizza insieme a quello che lo cucina e a mio figlio gli puzza l'alito, mica fa male l'aglio a un bimbo di 13 mesi??? perche' mia mamma dice che le sue vicine lo danno ai loro bimbi...e testarda non accetta il mio consiglio! saluti linda 75

linda (NA) 25/07/2012

il mio bimbo ha 2 anni colazione-latte biscotto pranzo completo yogurt pomeriggio alle 7 secondo e frutta e alle 10 vuole il latte..... la mia pediatra dice che e sbagliato deve mangiare 4 volte ma lui allle 9 30 chiede pappa ....aiutatemi...

concetta (NA) 13/11/2012

salve mio figlio ha 17mesi.e daun mese che non tocca più il latte in polvere,assunta fino ad adesso.di mattina ho provato a dagli le crimine ,come crema di riso,però mangia pochissimo.durante il giorno se lo faccio mangiare a ore più distaccate tipo 5 0 6 ore ,mangia bene .se invece lo faccio mangiare dopo 3ore non mangia tanto.poi la notte se mangia alle 9 può stare senza mangiare fino al giorno dopo, al sveglio,verso le 9.la sua alimentazione e diventata un grande problema per me.aiutatemi non so che fate.

susy (RM) 26/02/2013

Ciao, mio figlio prima dell'anno di età mi mangiava tutto, ma tutto tutto, tanto che a 6 mesi, già mangiava il risotto il pesce (non omogeneizzato), la carne (non omogeneizzata). A compiere l'anno, non mangia più niente, zero assoluto, ogni tanto una merendina plasmon, una galletta di mais, un bastoncino di pese, ma zero rifiuta tutto! Il latte per me è un problema, quello non lo vuole proprio, cerco di darglielo anche in formaggino, formaggi vari, ma nulla! COsA POSSO FARE??? AIUTO VI PREGO!

Francesca Stefania Minniti (BR) 07/03/2013

Bisogna sicuramente non allamarsi ed ascoltare anche i desideri dei bimbi e rispettare i suoi tempi. Mangiare deve diventare un momento piacevole pure il bambino. Qundi con calma proviamo a fare delle cose semplici ma appetibili alla vista! 

barbara (CT) 19/04/2013

Salve la mia bimba di 25 mesi non gradisce i nostri alimenti, vuole solo omogeneizzati di formaggino e carne altri cibi li rifiuta, compresi gli omogeneizzati di frutta. Ogniqualvolta tento di proporle i nostri cibi non li mastica nemmeno anzi sembra proprio che non sia in grado di masticare: mi devo preoccupare? Premetto che è nata prematura...cosa posso fare?

Stefania (TA) 28/04/2013

salve, io ho un ploblema e non so cosa fare li ho provate tutte. il mio bambino ha 23 mesi e non mangia nessun tipo di cibo, solo mangia con il biberon sia le pappe salette che il latte, sempre a rifiutato mangiare con la forchetta e non riesco più a toglirlli il biberon. ho bisogno di aiuto

jonale leon (MA) 30/04/2013

Ciao a tutti, ho un bimbo di 17 mesi, che prende ancora il seno, mangia tutto nella norma, predilige le verdure...ma di latte vaccino o altro latte non ne vuole sapere...come faccio a farglielo piacere. Ho provato, in tutti i modi e con tutti i tipi di latte (compreso la soya), con cioccolata o miele, zucchero o succo, ma nulla...il latte lo rifiuta. Help!

Francesca Stefania Minniti (BR) 09/07/2013

Ciao a tutti io ho un maschietto di 25 mesi che pesa 11,400 ed è alto 95 cm,riesco a dargli il latte vacino solo alla mattina alle 5: 30 quando è in dorme veglia,alle 9 lo yogurt alla vaniglia,a mezzogiorno mangia la pasta ( pochina) al pomodoro,ma come carne solo se lasi fà al pomodoro,e come verdura mangia solo funghi e patatine,chiaramente se invece passo tutto al frullatore allora mangia di tutto..........sarà pigrizia


Sabrina,provincia di Padova,

sabrina (PD) 28/09/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Alimentazione nel bambino da uno a tre anni"

L'obesità nel bambino
Si definisce obesità quando un bambino/a con un peso superiore al 20% del peso ideale per la sua altezza.
Acetone nei bambini: sintomi e rimedi
Acetone nei bambini è frequente in caso di febbre. I sintomi sono nausea, sonnolenza eun alito tipico. Fra i rimedi, bevande zuccherate e soluzioni idratanti.
Allergia alle proteine del latte: cosa può mangiare?
Se la diagnosi di allergia alle proteine del latte è sicura, è necessario che l'esclusione dei latticini dall'alimentazione sia completa e prolungata.
Quale latte vaccino nello svezzamento?
Passando dal latte di proseguimento al latte vaccino, quale tipo è consigliato nello svezzamento? I consigli del Pediatra.
Il fabbisogno calorico nel bambino
Il fabbisogno calorico nel bambino varia nelle diverse età dell'infanzia.
Non mangia più carne
Da circa due settimane non mangia più la carne. I consigli del Pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A sei anni cammina ancora sulle punte dei piedi
Quale ginnastica deve fare un bambino che cammina sulle punte dei piedi? È importante verificare che la deambulazione si normalizzi dopo i tre anni di età.
Dermatite atopica: quanto spesso lavare il bambino?
Quanto spesso lavare la pelle del bambino con dermatite atopica? La pelle è secca e soffre i lavaggi energici.
Far vedere la televisione a un bambino piccolo
E' preferibile far vedere una TV per bambini adatta al suo livello di sviluppo, con orari ben scanditi, in compagnia di un adulto.
Che cosa sono gli episodi di ALTE?
Mia figlia ha avuto nei primi mesi di vita numerosi episodi di ALTE, ma si è sempre ripresa.
Regressione spontanea del reflusso vescico-ureterale
Se il reflusso vescico-ureterale è di basso grado può risolversi spontaneamente.

Quiz della settimana

L'andatura di un bambino in punta di piedi
È considerata normale fino ai due anni di vita
E' sempre patologica
Richiede quasi sempre un intervento chirurgico
Va trattata fin dall'inizio con plantari