ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Un bambino che batte la testa

Battere la testa è un tentativo di liberarsi dalle proprie ansie. Questo atteggiamento scomparirà quando si libererà delle intime difficoltà che hanno dato origine alla sua abitudine.

a cura di: Dott. Massimo Sidoti (psicopedagogista della redazione di www.exducere.com)

Volevo chiedere se esiste una spiegazione al fatto che mio figlio, di 17 mesi, molto vivace, ha l'abitudine di sbattere la testa ovunque gli capiti prima quando io o mia moglie lo rimproveriamo o gli impediamo di fare qualcosa per cui potrebbe farsi male, inizia a piangere e girare per la stanza per infine sbattere la testa nel muro o a terra, e a volte si dà anche delle pacche sulla testa, sempre per gli stessi motivi citati prima. Sinceramente non sappiamo a cosa possa essere dovuto questo suo comportamento e vorremmo capire se esistono delle spiegazioni, nel senso che sia una cosa normale e passeggera o qualcosa da approfondire tramite degli specialisti.

Non si tratta di un abitudine comune a molti bambini ma capita di tanto in tanto e specialmente fra i maschi. Il piccolo sente il bisogno di esprimere la propria ansia, mediante la quale conserva il suo equilibrio negli altri campi.

Battere la testa è un tentativo di liberarsi dalle proprie ansie. Non mi sorprende affatto che non avete avuto successo rimproverando il bambino. L'inconveniente  può continuare se il bambino vive in una situazione di disagio, ma altrimenti scomparirà quando si libererà delle intime difficoltà che hanno dato origine alla sua abitudine.

Mi limiterei quindi a tenerlo allegro con il gioco, con occupazioni adatte alla sua età ed eviterei qualsiasi tipo di rimprovero.

 

15/10/2012

10/6/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte