ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Non vuole stare nel passeggino

Molti bambini nei primi periodi in cui iniziano a camminare hanno un difficile rapporto col passeggino. Cosa fare per cercare di risolvere la situazione.

a cura di: Dott.ssa Loredana Piratoni (psicologa)

Mio figlio ha quasi 20 mesi e da tempo non ne vuole sapere di stare nel passeggino. Anche se cammina bene a volte, quando siamo fuori, e soprattutto con me, fa il "furbo" e fa di tutto per farsi portare in braccio. La tattica è ormai consolidata: mi si attacca alla gamba e inizia a frignottare. Come mi devo comportare? Devo ignorare le sue richieste (a rischio di una crisi di rabbia), sgridarlo e cercare di tirarmelo dietro, oppure accondiscendere alle sue richieste e prenderlo in braccio?

Cara lettrice, ti trovi in un bel dilemma, che in termini di psicologia sperimentale si definirebbe un conflitto di evitamento-evitamento: in altri termini, ogni soluzione prospettata è impraticabile, irragionevole. Da un lato, costringendo tuo figlio di 20 mesi a camminare anche quando è stanco, sfioreresti la definizione da manuale di "sevizie"; dall'altro, prenderlo in braccio se non è stanco ti darebbe la sgradevole sensazione di essere giocata, presa in giro e la tua rabbia nei suoi confronti aumenterebbe proporzionalmente con i tuoi ingravescenti dolori alla schiena. Soluzione? Passeggino: comodo, leggero, trazione posteriore, ecologico.

Io non so se per "furbizia" il tuo bimbo usi la tattica che hai descritto, ma certamente è una tua ingenuità colossale lasciare sempre il passeggino a casa. Non ti aspettare da tuo figlio una logica ferrea: a quell'età possono dire tante cose, possono dire che non vogliono una cosa "mai più", ma per loro il lasso di tempo in discussione va da quel momento a una manciata di minuti successivi. E se durante la vostra passeggiata il tuo bimbo mostra stanchezza, offrigli l'alternativa del passeggino per farsi scorrazzare in giro: se non altro saprai se è "veramente" stanco o se si tratta solo di capricci.

Considera però che a quell'età i bimbi non sono certamente maratoneti, e si stancano facilmente, ma altrettanto facilmente e rapidamente recuperano forze ed energie e si rimettono in piedi: questo significa che magari, dopo aver tanto baccagliato per piazzarlo sul passeggino, potresti fare solo qualche metro prima di sentire la sua vocetta squillante che ti annuncia che vuole camminare di nuovo.

Suggerimento? Armati di santa pazienza, cerca di rimetterlo daccapo a terra, fallo di nuovo sgambettare, senza infastidirti troppo, se puoi.

16/12/2002

22/7/2017

I commenti dei lettori

Cari amici, ho anch'io il problema del passeggino con il mio nipotino di 28 mesi. Già da quest'autunno di uscire con il passeggino non se ne parla proprio! Il fatto è che lui non si stanca e vuole sempre camminare, ma in coscienza non posso fargli fare chilometri, perciò le uscite si riducono solo a raggiungere il parchetto vicino a casa. Che ne dite, lascio perdere?

carla (VA) 18/04/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Non vuole stare nel passeggino"

Spasmi affettivi
Gli spasmi affettivi sono una crisi emotiva: per una causa anche banale, il bambino piange, trattiene il fiato. Quali sono le cause e come comportarsi.
Vuole i giochi del fratello più piccolo
Se non ottiene i giochi del fratello piange ed urla. Comprare doppi giochi non risolve il problema.
I capricci dei bambini
Perché un bambino fa i capricci? Consigli per evitare che un bambino capriccioso cresca viziato.
Dice sempre no
Mio figlio di due anni risponde sempre di "no". I consigli dello psicologo.
Crisi nervose
Crisi nervose: nel periodo che va dai due ai tre anni i bambini vivono una fase evolutiva particolare.
Crisi di collera
Ha continue crisi di collera e non ci sono possibilità di consolarlo. I consigli della psicologa per risolvere la situazione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Aorta bicuspide
L'aorta bicuspide è una malformazione o meglio una variante minoritaria della normalità: la valvola aortica ha normalmente tre cuspidi.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Rosolia in gravidanza
La rosolia diventa pericolosa durante la gravidanza perché può portare gravi conseguenze al feto.
Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo