ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Asma da sforzo

L'asma da sforzo si manifesta con tosse o affanno alcuni minuti dopo la fine dell'attività, con brusca caduta dei valori di funzionalità respiratoria.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Mia figlia Vanessa di sette anni soffre di asma da sforzo, in pratica da quattro anni. Adesso sta prendendo il … (nome commerciale del Sodio Nedocromile per spray), è stata operata alle adenoidi ma pare non sia servito a nulla. Vorrei da voi pareri o novità su questa malattia.

L'asma da esercizio fisico si osserva nell'80% circa dei bambini asmatici. Le manifestazioni (difficoltà di respiro - tosse) si verificano alcuni minuti dopo la fine dell’attività con brusca caduta dei valori di funzionalità respiratoria. In genere il ritorno ai valori normali si verifica spontaneamente entro 20-30 minuti.

Sembra che le cause principali della crisi siano l'iperventilazione (aumento della frequenza e della profondità degli atti respiratori) e la perdita di acqua dalle vie respiratorie (l'asma si verifica più facilmente se l'esercizio fisico viene compiuto in climi freddi ed asciutti).

Gli esercizi fisici che causano la difficoltà respiratoria sono quelli di tipo aerobico, della durata di 6-8 minuti. L’attività fisica che più spesso è in causa è la corsa libera prolungata, mentre meglio tollerate sono le corse veloci. Va ricordato che altri fattori fisici, come il riso o il pianto, possono rappresentare nei bambini fattori scatenanti.

Quanto detto non significa affatto che il bambino non possa praticare attività sportive, che possono risultare invece molto utili, sia migliorando la funzione respiratoria, sia rinforzando i muscoli della respirazione. Tra i vari sport, quello più utile è il nuoto, ben tollerato anche a livello agonistico. Altri sport consigliati sono sci di fondo, marcia, sci alpino, ginnastica.

Tollerati sono anche il calcio e la pallacanestro di tipo aerobico-anaerobico, che richiedono corse non prolungate alternate a periodi di sosta. Chiaramente questi ultimi sport sono sconsigliati se il bambino è allergico ai pollini (calcio) o agli acari della polvere (pallacanestro o sport in palestre o ambienti chiusi).

10/11/1999

26/11/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Asma da sforzo"

Tosse secca
Talvolta dietro una tosse secca continua, fastidiosa e soprattutto notturna, può esserci una crisi d'asma.
Tosse secca notturna
La tosse secca notturna può essere un segno di asma o di sinusite.
Asma e raffreddore
Ogni volta che ha il raffreddore gli viene anche l'asma. Come fare per evitarla.
Come si fa l'aerosol nei bambini
L'aerosol nei bambini: cosa fare per eseguire in modo corretto un aerosol nei bambini.
Asma e dermatite atopica
La dermatite atopica è un'affezione infiammatoria della cute che colpisce circa il 10-12% dei bambini di età inferiore ai 7 anni.
Bronchite asmatiforme
Ha spesso la bronchite asmatiforme: devo temere un'evoluzione della malattia verso l'asma? I consigli dell'allergologo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Lasciarlo figlio unico?
Meglio figlio unico? Vantaggi e svantaggi del dargli un fratellino. I consigli della psicologa.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Speciale bruxismo
Il bruxismo: cosa significa e come si cura. Il bambino può scaricare la tensione emotiva interna battendo o digrignando i denti.
Doppio distretto renale
Il doppio distretto renale è la più frequente variazione anatomica delle vie urinarie e nella maggioranza dei casi non si associa ad alcun problema.
Neonato che dorme nel lettino
Non esistono controindicazioni a fare dormire un neonato da subito nel lettino. Può essere utile l'uso del riduttore per sentirsi più "contenuti".

Quiz della settimana

Chi è colpito dall'emofilia?
Soprattutto i maschi
Soprattutto le femmine
Entrambi i sessi, senza differenze