ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

I bambini che dicono le parolacce

Nel linguaggio dei bambini di 6-8 anni si sentono imprecazioni e parolacce. I più piccoli, sui 3-4 anni di età, usano queste espressioni per imitazione degli adulti o dei più grandicelli.

a cura di: Dott. Leo Venturelli (pediatra)

Le parolacce sono diventate purtroppo un luogo comune nella nostra società: se ne sentono per strada, in TV e al cinema, le troviamo scritte sui muri in città. Sempre più parolacce e bestemmie vengono usate dai ragazzi come intercalare e come imprecazione: un tempo erano più diffuse all'età delle scuole medie e superiori, oggi anche nel linguaggio dei bambini di 6-8 anni si sentono imprecazioni e parole di dubbio gusto. I più piccoli, sui 3-4 anni di età, usano queste espressioni per imitazione degli adulti o dei più grandicelli, e per prova, in quanto capiscono che sono espressioni che attirano l'attenzione a volte divertita, a volte preoccupata, degli adulti.

Che cosa fare?

Se vostro figlio è alla scuola materna, ha cioè 3-4 anni:

  • Sdrammatizzate il problema, senza ignorarlo
    Un giorno potrebbe tornare a casa e pronunciare con ripetitività alcune parole o frasi volgari apprese all'asilo, dai compagni: conviene dire al bambino che certe parole possono risultare offensive per gli altri, che non sta bene dirle, senza però rimproverarlo o cambiare improvvisamente tono di voce o espressione quando le pronuncia. Il reprimere categoricamente il linguaggio scurrile infantile potrebbe creargli dei sensi di colpa, per cui non dirà davanti agli altri le parolacce o la bestemmia, ma gli torneranno costantemente in mente e avrà difficoltà ad allontanarle dai suoi pensieri, che crederà di non poter più controllare.
  • Non insistete con vostro figlio a farvi dire il nome di quale compagno o quale persona adulta abbia pronunciato per prima la parolaccia
    Il bambino capisce al volo, dal tono della voce, dal modo in cui si pronunciano certe parole, che il loro effetto è trasgressivo e dissacrante e le ripete per impressionare voi genitori e per comunicarvi questa nuova acquisizione così particolare.

Se vostro figlio ha più di sei anni:

  • Stabilite la regola che le parolacce non sono consentite in casa
    Cercate di essere fermi e rigorosi; dite a vostro figlio che può usare altre espressioni, tipo: "Accidenti", "Caspita", "Perbacco"; evitate voi stessi di usare, anche accidentalmente, parolacce. Se il bambino si abitua a controllarsi in casa, gli sarà più facile farlo anche in altri ambienti.
  • Consigliategli di evitare simili intercalari in presenza di insegnanti e di altri adulti
    Così facendo, sarete di aiuto agli educatori della scuola, che nel loro ambiente cercano di dare un'educazione generale di comportamento ai ragazzi. Non potete costantemente controllare il linguaggio di vostro figlio, specie quando è in compagnia di coetanei, ma sappiate che avere sinergie tra voi e la scuola è un punto utile a determinare le regole di comportamento.
  • Prendete provvedimenti al bisogno, usate punizioni
    Se il ragazzo continua a usare parolacce in vostra presenza o davanti ad altre persone, mandatelo nella sua stanza; potete anche mettere in atto misure tipo: "non esci per tutto il giorno", quando dovesse continuare imperterrito a esprimersi male.
  • Se il ragazzo è arrabbiato con qualcuno e sbotta con parolacce, cercate di farvi raccontare l'accaduto
    È un buon sistema per calmare la sua rabbia; a volte può essere utile invitarlo ad andare a tirare quattro calci al pallone in cortile per farlo sfogare.
  • Complimentatevi con lui se smette di dir parolacce quando è arrabbiato
    Affermategli che è sulla strada giusta nel sapersi controllare e per crescere consapevole di quello che dice.
  • Siate coerenti tra quello che dite e quello che poi fate
    Se inveite su vostro figlio per le parolacce o le bestemmie e poi voi stessi le usate quando vi arrabbiate, non potrete rimproverarlo, né riuscirete a farlo smettere. State prima di tutto attenti al vostro comportamento!

8/7/2002

2/10/2016

I commenti dei lettori

Mia figlia ha solo due anni,ma essendo in Sicilia ha subito imparato a ripetere l'intercalare classico della nostra terra.Appena abbiamo capito che la parola che ripeteva opportunamente quando qualcosa le andava male era proprio quella li',abbiamo deciso prima di tutto di evitarla noi genitori il piu' possibile e alla lunga i risultati si sono visti.Ogni tanto la dice,ma io la sostituisco immediatamente con un'altra parola ,forse meno efficace per uno sfogo,ma piu' accettabile socialmente.Con il tempo imparera' che le parole possono fare bene e male, ne acquistera' consapevolezza,spero almeno.

antonella oliverio (ME) 05/03/2011

Mio fratello ha quasi cinque anni e dice sempre le parolacce, cosa che a me non piace ed essendo più grande di lui non ne pronuncio nemmeno una per dargli buon esempio, ma continua a dirle; come posso fare?

Sara (SA) 07/12/2012

mia figlia di dieci anni ad un richiamo da parte della maestra (tra l'altro aveva sbagliato alunna non era stata lei ad urlare!) si è alzata in piedi dicendo a voce bassissima "che cazzo ho fatto questa volta!". Purtroppo esistono le spie e la maestra è stata messa al corrente della frase. La punizione? "ora scrivi su un foglio x 100 volte non devo dire che cazzo ho fatto" E' educativa secondo voi questa punizione? Per me no era molto meglio far scrivere non devo dire parolacce, generico, e non sottolineare quella parola a tal punto che il giorno stesso la usata anche con me!

antonietta (MI) 20/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "I bambini che dicono le parolacce"

Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dieta di scatenamento
La dieta di scatenamento consiste nel provare una serie di alimenti per individuare quello responsabile dell'allergia.
Non racconta nulla di quello che succede a scuola
Quando le chiedo cosa ha fatto a scuola mi risponde che non sa, non si ricorda. E non ci racconta nulla. I consigli della psicologa.
Torcicollo congenito
Il torcicollo congenito è una deformità presente alla nascita. Non è sempre necessario l'intervento chirurgico.
Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta