ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Atropina per l'esame della vista

Perché gli oculisti mettono quelle gocce così fastidiose negli occhi? I consigli dell'oculista. Non sempre è necessario instillare l'atropina nei sospetti ipermetropi.

a cura di: Prof. Paolo Nucci (oculista)

In una recente visita oculistica è stata riscontrata a mia figlia di 4 anni una ipermetropia. L'oculista ha consigliato, per una migliore determinazione sul grado di ipermetropismo, di utilizzare Atropina (gocce) per 5 giorni di seguito prima della visita approfondita. Tale pratica mi è stata sconsigliata da un optometrista. Qual è il vostro parere in merito?

Consiglio di seguire il buon senso. L'optometrista è una figura ancora non chiara da un punto di vista giuridico (non è riconosciuta in Italia se non da scuole regionali... non sempre limpide), che può gestire la refrazione di un adulto, ma mai di un bambino, perché spesso nei bambini è opportuno instillare cicloplegici (cioè farmaci che agiscono sulla messa a fuoco dell'occhio: atropina, tropicamide ciclopentolato), pratica non consentita a chi non è medico.

Sono perplesso in genere sulla necessità di instillare atropina in tutti i sospetti ipermetropi, tantomeno per 5 giorni. Si tratta di un farmaco che ha spesso effetti secondari ed invalida per lungo tempo. Una buona cicloplegia con ciclopentolato è quello che io preferisco. Provi a discutere delle sue perplessità con il suo pediatra, magari mostrandogli il mio messaggio, che sono sicuro vorrà, peraltro, mantenere riservato.

1/11/1998

6/4/2017

I commenti dei lettori

gentilissimo dottore. un amico a causa di un po di bruciore nei miei occhi, mi mise delle gocce sue che aveva a casa, ma dopo una mezzoretta iniziai a non vedere bene, fino a farmi portare a pronto soccorso in ospedale, erano gocce di atropina. non vedevo e non vedo ancora , sono passati 4 giorni.mi anno detto che l'effetto dura 2 settimane vorrei proprio crederci, lo spero, sto portando per vederci un po un paio di occhiali di graduazione 4. cosa mi dice lei !! posso sperare che mi passera'?

emilio (NA) 06/11/2010

Gentile Signore/a (Premetto che sono laureato in ingegneria ed economia e pertanto parlo in base a logica ed esperienza personale). Anche se sua figlia avesse una leggera ipermetropia, cio' non siginifica nulla. E' naturale che a quell'eta' di sviluppo, in cui la testa cresce e tutti gli organi si sviluppano vi possano essere momentanee imperfezioni alla vista. Il mio consiglio e' di non fare nulla, di farla giocare all'aperto e di ripetere la visita tra 15 anni quando lo sviluppo sara' completo. Per l'amor del cielo non le venga in mente di far mettere gli occhiali a sua figlia. Quelli si che potrebbero compomettere il corretto sviluppo dell'occhio e provocare danni irreversibili. Le assicuro che tutti i bambini e gli adulti in Afghanistan ci vedono benissimo e manco sanno cosa siano gli occhiali. (E poi Lei ha mai sentito parlare di qualcuno che che sia guarito portandoli?) Per cui si tranquillizzi. Per l'antropina, bene sicuro non fa. Se possibile eviterei. Cordiali Saluti. Bart

Bart (TS) 28/03/2012

Vorrei sapere se va bene che la mia bambina di nove mesi debba fare uso di atropina per.esame per vedere un possibile problema di strabismo?

simone paladini (PO) 12/03/2013

Mio figlio ha nove anni ed e'ipermetrope. Ad agosto il suo oculista ha fatto mettere le gocce di atropina per tre giorni per un esame approfondito. A oggi pero' ha ancora dei piccoli fastidi soprattutto quando vede la tv. E' normale cio'?

nini (BA) 15/09/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Aorta bicuspide
L'aorta bicuspide è una malformazione o meglio una variante minoritaria della normalità: la valvola aortica ha normalmente tre cuspidi.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Rosolia in gravidanza
La rosolia diventa pericolosa durante la gravidanza perché può portare gravi conseguenze al feto.
Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo