ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Intolleranza al lattosio

L'intolleranza al lattosio rientra nel gruppo delle reazioni da intolleranza, generalmente dovute a deficit enzimatici. Quali sono gli esami per diagnosticare l'intolleranza al lattosio.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Potrei conoscere attraverso quali esami è possibile riscontrare l'intolleranza al lattosio?

L'intolleranza al lattosio rientra nel gruppo delle reazioni da intolleranza, generalmente dovute a deficit enzimatici, specificatamente, nel caso del lattosio, il deficit di lattasi, con conseguente intolleranza al latte. Come arrivare alla diagnosi? Innanzitutto un'anamnesi ben condotta fornisce elementi di sospetto altamente indicativi, con comparsa dei sintomi a seguito dell'assunzione del lattosio. Un'altra conferma diagnostica si può ottenere con la dieta di eliminazione, con la scomparsa dei sintomi per tutto il periodo in cui la stessa viene seguita.

Quando la dieta di eliminazione abbia determinato la regressione del quadro clinico o un miglioramento evidente è possibile passare ad un test di scatenamento, con la nuova reintroduzione del lattosio al fine di evidenziare la nuova comparsa dei sintomi. Tralascerei le indagini particolari (endoscopia con prelievi bioptico, test per la valutazione della permeabilità intestinale ecc.). Le metodiche diagnostiche, spesso ampiamente pubblicizzate, come quelle basate sulle variazioni della forza muscolare o dei potenziali elettrici cutanei sono assolutamente prive di qualsiasi dimostrazione scientifica della loro affidabilità e quindi non degne di attenzione.

N.d.R.: recentemente si è resa disponibile una nuova metodica di laboratorio per confermare la diagnosi: si tratta del Breath test all'idrogeno, un esame semplice e non invasivo. Si basa sul principio che, normalmente, i carboidrati semplici ingeriti con gli alimenti sono completamente assorbiti a livello digiuno-ileale per cui non giungono nel colon.

Se invece, per qualsiasi motivo, sfuggono all'assorbimento ileale, arrivano inalterati nel colon dove sono fermentati dalla flora batterica con produzione di vari gas tra cui cui l'idrogeno (H2) e l'anidride carbonica. Questi gas vengono per la maggior parte eliminati per via rettale ma, per una certa percentuale, vengono assorbiti nel circolo ematico ed eliminati nell'aria dai polmoni.

Nelle persone normali alcuni enzimi presenti sull'orletto a spazzola delle cellule intestinali, chiamati lattasi intestinali, sono in grado di scindere il lattosio, presente nel latte e nei latticini, in due carboidrati semplici, il glucosio ed il galattosio, che vengono assorbiti direttamente. In caso di carenza di lattasi, invece, il lattosio giunge immodificato nel colon dove, come già detto, viene fermentato dai batteri presenti nella flora intestinale.

Nel caso dei pazienti intolleranti al lattosio si va a misurare, con l'H2 Breath-test, le concentrazioni d'idrogeno nell'aria alveolare di soggetti che hanno ingerito una dose prefissata di lattosio: in caso di deficit di lattasi si osserverà un incremento della concentrazione dell'H2 nell'aria espirata.

L'esecuzione dell'esame consiste nel far soffiare energicamente il paziente, ad intervalli prestabiliti, in un boccaglio che convoglia l'aria degli alveoli polmonari in uno speciale sacchetto; da quest'ultimo viene estratta, con una comune siringa, una certa quantità di d'aria alveolare che viene successivamente immessa in un gascromatografo (uno strumento che analizza i gas presenti in un determinato campione d'aria) per quantificare la concentrazione di idrogeno.

30/3/2004

6/11/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Intolleranza al lattosio"

Diarrea nei bambini
Come comportarsi in caso di diarrea nei bambini? Da che cosa è provocata e come si cura.
Latte di soia ai bambini
Il latte di soia si usa nei bambini in caso di intolleranza alle proteine del latte vaccino. Ma anche la soia può dare allergia. Ecco i consigli del Pediatra.
Una diarrea che non passa
Alterna scariche di diarrea più o meno brutte da diverse settimane. La diarrea cronica aspecifica è una condizione non preoccupante.
Disturbi intestinali
Ha scariche di diarrea tre-quattro volte al giorno da parecchi mesi.
Intolleranza al lattosio
L'intolleranza al lattosio è un difetto di digestione degli zuccheri. L'elenco degli alimenti contenenti lattosio.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Trauma cranico: cosa fare quando un bambino sbatte la testa
Come gestire il trauma cranico. Non è sempre necessario portarlo in ospedale.
Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte