ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Schede di Pediatria per Famiglie

per la salute del tuo bambino

Diarrea nei bambini

La diarrea è un sintomo comune a diverse malattie, intestinali e non, che consiste nell'emissione di feci liquide o semiliquide. Come comportarsi.

Cosa è la diarrea? La diarrea è un sintomo comune a diverse malattie, intestinali e non, che consiste nell'emissione di feci liquide o semiliquide, spesso con un aumento anche del numero delle scariche. A prescindere dalla causa, una diarrea abbondante e/o prolungata può di per sé comportare problemi di idratazione (se acuta) e/o nutrizione (se cronica). La prima preoccupazione, quindi, è di ristabilire un corretto equilibrio di liquidi e nutrienti. Il problema è maggiore se contemporaneamente è presente il vomito.

Come si tratta? Sospendere l’introduzione di cibi solidi per 6-12 ore e somministrare in abbondanza liquidi come thè, acqua, camomilla: in tali bevande vanno sciolte soluzioni idrosaline in bustine, acquistabili in farmacia, che permettono di reintegrare le perdite di acqua e sali minerali. Esistono anche liquide pronte all’uso. Tali soluzioni vanno conservate in frigorifero. In caso sia presente anche vomito, somministrare i liquidi con un cucchiaino, frequentemente e in dosi ridotte.
Passate le 6-12 ore (al massimo 24 ore) reintrodurre l’alimentazione solida secondo le indicazioni riportate di seguito.
Cibi permessi riso e crema di riso e/o tapioca
; cereali; pane tostato, grissini; fette biscottate; brodo di verdura o di legumi; carne di manzo e vitello ai ferri; pollame, coniglio e tutte le carni bianche; pesce magro lessato; prosciutto crudo senza grasso; formaggi non fermentati (ricotta, mozzarella); parmigiano reggiano; verdure inizialmente lessate, poi anche crude, ma a piccole dosi (carote, patate); uova alla coque; mela, banana. Cibi sconsigliati pane, pasta, biscotti; brodo di pollo; latte intero (va eventualmente somministrato diluito a metà con l’acqua); formaggi fermentati; burro; salame, insaccati, pancetta; carne di maiale; uova fritte o sode; cacao e cioccolato; fichi, fragole, frutti di bosco, prugne, cachi, albicocche, uva, susine; frutta secca; succhi di frutta; bibite gassate.

1/8/1997

6/8/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Diarrea nei bambini"

Infezione da Rotavirus
I rotavirus prendono questo nome perché appaiono al microscopio a forma di ruota. La trasmissione avviene attraverso il contatto con persone infette.
Salmonella: i sintomi
I sintomi della salmonella sono il vomito e le scariche diarroiche contenenti catarro. Spesso è presente anche la febbre.
Disturbi intestinali
Ha scariche di diarrea tre-quattro volte al giorno da parecchi mesi.
La salmonella
Esistono tre tipi di salmonella. Sono malattie causate da batteri del genere Salmonella, che possono causare da una semplice gastroenterite al tifo.
Bambino con diarrea persistente
Problemi di diarrea persistente non sono rari nel bambino soprattutto dopo una infezione intestinale virale.
La salmonella: le cause del contagio
Tutti gli alimenti che causano il contagio da salmonella.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha paura dei tuoni
Mio figlio di due anni ha paura dei tuoni e dei forti rumori. E allora cosa fare con un bimbo pauroso? I consigli dello psicologo.
Rimane attaccata al seno anche un'ora
Ad ogni poppata rimane attaccata al seno anche un'ora. E fa 3 o 4 pasti di notte. Le regole per un buon attacco al seno.
Speciale: Le cause del mal di gola
Il mal di gola si accompagna spesso ai cambiamenti climatici tipici del periodo autunnale. Nella maggior parte dei casi, in età pediatrica è provocato da virus.
Il biscotto nel latte?
E' consigliabile aumentare la quantità di latte piuttosto che mettere il biscotto nel latte. L'introduzione del biscotto è consigliabile dal 4° mese.
La toxoplasmosi in gravidanza: il gatto o il cane in casa danno problemi? Che prevenzione attuare?
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti è una controindicazione all'allattamento materno?
La miopia
La prematurità
L'infezione da virus HIV (quello che provoca l'AIDS)
L'ittero da latte materno