ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Vaccinazioni: le controindicazioni vere e false

Anche se esistono poche categoriche controindicazioni ai vaccini, è necessario che i genitori, prima della vaccinazione, consultino il proprio medico curante e/o il medico vaccinatore.

a cura di: Dott. Rocco Russo (pediatra)

Anche se esistono poche categoriche controindicazioni ai vaccini, è necessario che i genitori, prima della vaccinazione, consultino il proprio medico curante e/o il medico vaccinatore, che presiede alla seduta vaccinale, al fine di valutare lo stato di salute del bambino per stabilire se la vaccinazione deve essere rimandata o evitata.

Le più comuni condizioni cliniche del bambino, che al momento della vaccinazione, preoccupano i genitori sono:

  • la presenza di comuni disturbi gastrointestinali e respiratori (raffreddore, naso che cola, diarrea lieve) in bambino peraltro in buono stato di salute;
  • reazioni di lieve entità ad una dose precedente di vaccino (per esempio febbricola, rossore nel punto in cui è stata somministrato il vaccino etc);
  • assunzione di un antibiotico;
  • assunzione di cortisone a basse dosi o somministrato per aerosol;
  • bambino nato prematuro o di basso peso alla nascita, che deve essere vaccinato secondo l’età cronologica, cioè in base alla data di nascita;
  • malattie della pelle, malattie croniche del cuore, dei polmoni, del fegato e dei reni, malattie del sistema nervoso stabili, storia di ittero neonatale, gravidanza di un familiare.

Le suddette condizioni cliniche, vengono definite dai medici come “false” controindicazioni, per cui il bambino può essere vaccinato senza aumentare il rischio di effetti collaterali né diminuire l’efficacia della stessa vaccinazione.

Alcune particolari situazioni possono essere motivo di rinvio della vaccinazione, come ad esempio:

  • malattie acute con febbre di grado elevato;
  • vaccinazioni con virus attenuati (quali ad esempio morbillo-parotite-rosolia e varicella) se nei 30 giorni precedenti è stato somministrato un altro vaccino a virus attenuati;
  • terapia, in corso, con farmaci che agiscono sul sistema immunitario o con cortisonici ad alte dosi;
  • trasfusioni recenti o somministrazione di immunoglobuline, vengono definite “transitorie”, per cui il medico evita di vaccinare “solo” per il periodo di tempo in cui sono presenti, rivalutando il caso in una fase successiva.

Le “vere” controindicazioni, per cui non è opportuno che al bambino vengano somministrati alcuni vaccini sono:

  • allergia accertata ad alcuni componenti del vaccino;
  • gravi reazioni allergiche (shock anafilattico) o neurologiche (paralisi flaccida, encefalite, meningite, mielite) dopo la somministrazione di una precedente dose di vaccino.

17/8/2009

26/3/2016

I commenti dei lettori

Il modo in cui è trattato il tema vaccini ha una contraddizione evidente. State sottolineando che la controindicazione all'assunzione di un vaccino la si scopre o dopo una vaccinazione (e grazie al cavolo!) o "accertando" determinate allergie (cosa molto difficile da fare con i neonati) . Mentre altre volte sul vostro sito ho trovato informazioni utili e condivisibili sia su base scientifica, che per il semplice buonsenso... questa volta penso che l'argomento sia trattato con superficialità, vista anche l'importanza grazie comunque per il vostro lavoro

25/11/2011

Sarebbe un utile approfondimento se si scrivesse riguardo alla frequenza e alle caratteristiche delle reazioni neurologiche causate dai vaccini, riguardo alla relazione causa-effetto e  alle precauzioni per prevenirle. Credo siano tali reazioni a creare più ansia nei genitori.

03/01/2012

domandona: come faccio a sapere se mia figlia di 2 mesi è allergica a una delle componenti del vaccino visto che è la prima volta? penso che l'argomento andrebbe trattato diversamente e in maniera molto più approfondita.. quelle "vere" controindicazioni che avete scritto le trovo a dir poco ridicole, non avendo valore per i neonati

Alessandra 10/08/2012

Contro-domandona (senza polemica, giuro!): come fai a sapere se la bambina avrà una reazione all'uovo o alle creme solari o all'erba del parco giochi? in altre parole, le reazioni allergiche sono imprevedibili, in quanto non dipendono dalla sostanza implicata, ma dalla predisposizione allergica del soggetto stesso (bambino o adulto che sia). Cosa ci aiuta, allora? La probabilità: è molto più probabile avere un incidente d'auto o sulle piste da sci che una reazione grave da vaccino. Ma sono sicuro che nessuno dei lettori per questo rinuncerà ad una vacanza. Tutti i giorni noi affrontiamo rischi ben più frequenti di quelli dei vaccini, che, su milioni di dosi somministrate ogni anno, possono a buon diritto essere considerati "sicuri" ed utili.



Giuseppe Varrasi, Pediatra di MAMMAePAPA'' 11/08/2012

la crema solare si può provare su 1 cm di pelle, l'uovo in piccole quantità....ecc... concordo che le reazioni allergiche sono imprevedibili e non penso si tratti dei "rischi" se così vogliamo chiamarli, che si corrono tutti i giorni (altrimenti nessuno vivrebbe più e avremmo paura di tutto). I miei dubbi sui vaccini si stanno insinuando perchè vedo che c'è molta disinformazione, nessuno dice che sono obbligatori solo in italia, che in italia ci sono regioni che hanno eliminato l'obbligatorietà, che possono avere effetti collaterali di una certa importanza, quali l'AUTISMO! (letto nel bugiardino della vaccinazione e non sentito dire), nessuno spiega perchè occorre vaccinarsi per malattie quasi completamente debellate..Personalmente non ho ancora deciso cosa fare con mia figlia di 3 mesi e onestamente sono molto combattuta, proprio perchè vedo questa grande campagna pro vaccino e nessuno che dica i contro.. e la disinformazione non mi piace, perchè nasconde sempre qualcosa (non solo nei vaccini ma in tutto il resto). Da un lato vorrei vaccinarla, dall'altro ho il terrore degli effetti collaterali gravi e ho dubbi sulla reale efficacia (molte persone si sono ammalate anche con i vaccini)

alessandra 21/08/2012

Le infezioni quasi "completamente" debellate, sono state debellate grazie ai vaccini, altrimenti si continuerebbe a vedere molte persone affette da polio per esempio. I vaccini sono utili perchè appunto riducono il rischio di malattie e le loro conseguenze; è giusta la sua preoccupazione riguardo gli effetti collaterali perchè è vero che ci possono essere come hai letto sui bugiardini, ma sono comunque in percentuale inferiori alla possibilità di malattia stessa senza vaccino. Comunque per esperienza personale non sono obbligatori solo in Italia, ma in molti paesi d'europa e alcuni possono variare anche se veramente pochi in base all'incidenza della malattia, che può avere o meno la possibilità di affliggere il bimbo. Comunque l'allergia si potrebbe scatenare anche per piccole quantità d'uovo, infatti nell'allergia è presente il termine "non dose dipendente" quindi non dipende se tanto o poco. Per l'ultima frase molte persone si sono ammalate anche dopo il vaccino, questo è vero ma probabilmente non della malattia per cui il vaccino protegge, cosa intendo, ci sono molte varianti della stessa malattia (per fortuna non di tutte le malattie) per esempio l'influenza e il vaccino protegge dalla forma più endemica e a seconda della malattia dalla forma più grave. Spero di aver chiarito qualche suo dubbio, scriva ancora per qualunque altra informazione

24/09/2012

sulla questione vaccini ci stiamo dibattendo anche io e mia moglie. Nostro figlio ha 2 mesi e 10 giorni ed è arrivata la carta per la vaccinazione. abbiamo contattato chi farà il vaccino e un'altro specialista per avere chiarimenti. al momento abbiamo sospeso la vaccinazione. ci sono poche notizie sulle reazioni, anche gravi da vaccino. Autismo e altre forme di danni gravi. ci vorrebbe più chiarezza! comunque grazie per quanto fate. innnanzitutto, la buona fede. Eun obbiettivo comune: la salute dei BAMBINI!!! nicola s.

nicola s. (PD) 15/03/2013

Anche io penso che non vi sia chiarezza nell'informazione sui rischi benefici dei vaccini. So che c'è una legge che risarcisce i danni provocati dai vaccini e ci sono alcune sentenze di tribunali che hanno riconosciuto danni gravi da vaccino. Perchè di questo aspetto non si fa cenno nell'informare su eventuali danni vaccinali?

renzo (CN) 26/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Vaccinazioni: le controindicazioni vere e false"

Vaccinazione contro la parotite
La parotite (orecchioni) è una malattia infettiva che si manifesta con un gonfiore della guancia e con febbre alta.
Vaccinazione contro il morbillo
Nei bambini più piccoli, può avere delle complicazioni importanti.
Il vaccino contro l'encefalite da zecca
La meningoencefalite da zecca è una malattia causata da un virus appartenente al genere Flavivirus. Il vaccino è in commercio in Italia.
Vaccino contro tubercolosi
Il vaccino è costituito dal batterio tubercolare che viene reso incapace di provocare la vera malattia.
Come comportarsi di fronte alle comuni reazioni al vaccino
Dopo la vaccinazione il vostro bambino può avere alcune linee di febbre, un pò di gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione.
Vaccinazione contro il papillomavirus
Il papillomavirus è un tipo di virus che causa infezioni genitali a trasmissione sessuale, dai condilomi al tumore del collo dell'utero.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Consigli per l'alimentazione in gravidanza
La dieta per la mamma in gravidanza. Tutti i consigli per una corretta alimentazione.
Ecografia delle anche nei neonati
L'ecografia delle anche nei neonati è il miglior metodo per diagnosticare la "displasia congenita dell'anca".
Il bambino e l'ambiente
L'inquinamento sta diventando uno dei principali problemi della nostra epoca e causa danni alla nostra salute e all'ambiente.
Dieta di scatenamento
La dieta di scatenamento consiste nel provare una serie di alimenti per individuare quello responsabile dell'allergia.
Non racconta nulla di quello che succede a scuola
Quando le chiedo cosa ha fatto a scuola mi risponde che non sa, non si ricorda. E non ci racconta nulla. I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta