ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Perché occorre vaccinare il proprio bambino

La vaccinazione è tra le più importanti attività di promozione della salute ed è il mezzo più efficace per eliminare o contenere la diffusione di una malattia infettiva.

a cura di: Dott. Rocco Russo (pediatra)

La vaccinazione è tra le più importanti attività di promozione della salute ed è il mezzo più efficace per eliminare o contenere la diffusione di una malattia infettiva; inoltre l’immunizzazione di tante persone, crea una barriera che impedisce la circolazione dello specifico germe, in maniera tale da proteggere anche chi, per vari motivi, non può essere vaccinato.
 
Anche se nel nostro Paese non si verificano più certe malattie infettive, è necessario non abbassare mai la guardia, continuando a vaccinare, finché queste malattie non saranno completamente debellate in tutto il mondo. L’esempio più lampante è il vaiolo, il quale grazie alla vaccinazione è considerato debellato a livello mondiale, per cui la vaccinazione non è più raccomandata; presto la stessa cosa succederà anche per la poliomielite.

Perché le vaccinazioni vengono differenziate in Obbligatorie e Raccomandate

Attualmente nel nostro Paese le vaccinazioni definite “obbligatorie” per tutti i nuovi nati sono: difterite, tetano, poliomielite, epatite B; le altre: pertosse, morbillo, rosolia, parotite, Haemophilus influenzae tipo b, pneumococco, meningococco, varicella e Papillomavirus, sono “raccomandate”.
 
Anche se nella maggioranza dei paesi europei la distinzione tra vaccinazioni obbligatorie e vaccinazioni raccomandate non esiste, è bene chiarire che tale distinzione è solo di natura “legislativa e storica” (l'ultimo obbligo vaccinale risale al 1992: da allora, tutti i nuovi vaccini sono classificati come raccomandati o facoltativi), in quanto tutte le vaccinazioni sopradette sono da considerarsi “vivamente consigliate”, al fine di garantire la tutela della salute dei piccoli e di tutta la collettività.

17/8/2009

22/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Perché occorre vaccinare il proprio bambino"

Vaccinazione contro l'influenza
Generalmente l'influenza è una malattia lieve, ma se viene contratta da alcune categorie di bambini a rischio si possono avere più facilmente complicanze.
Vaccinazione contro il morbillo
Nei bambini più piccoli, può avere delle complicazioni importanti.
Vaccinazione contro il tetano
Il tetano è una malattia infettiva gravissima, che determina contrazioni muscolari in tutto il corpo. Non è contagioso.
Il calendario delle vaccinazioni
Il calendario delle vaccinazioni è lo schema dei tempi in cui vanno effettuate le vaccinazioni dei bambini, sia obbligatorie che raccomandate.
Vaccinazione contro la varicella
Un bambino può presentare da 300 a 500 lesioni della pelle durante l’infezione.
Vaccinazione contro la rosolia
La vaccinazione contro la rosolia protegge "una vita futura". La rosolia contratta durante la gravidanza può provocare aborto spontaneo o gravi danni al feto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Astigmatismo ed occhiali
Gli hanno prescritto gli occhiali per un lieve astigmatismo: sono proprio necessari in un bambino piccolo? I consigli dell'oculista.
Circonferenza del cranio nel neonato
La circonferenza del cranio deve essere regolare per velocità di accrescimento e per dimensioni in base all'età del bambino.
Entra in crisi se le si toccano i giocattoli
A questa età è normale che se le toccano un giocattolo vada in crisi. I consigli della psicologa.
Cianosi
La cianosi è il colorito scuro-bluastro della cute che normalmente indica un problema di scarsa ossigenazione dei tessuti.
Perdite di sangue in gravidanza
Trovare delle perdite di sangue durante la gravidanza può rientrare nella normalità o essere un segno di allarme. Meglio chiamare il ginecologo.

Quiz della settimana

Che cosa significa la parola astenia?
Essere privo di forza
Altezza al di sotto della media
Carenza di vitamine
Sonnolenza