ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Quali rimedi per il mal di mare?

Viaggio in nave: quali rimedi adottare per una bambina che soffre di mal di mare? La cinetosi colpisce più di frequente bambini in età scolare.

a cura di: dott. Auro Della Giustina (pediatra)

Andremo in Sardegna con la nave tra poche settimane. Abbiamo una bimba di 14 mesi. Se dovesse manifestare sintomi di cinetosi, quali rimedi potremmo usare?

Trattandosi di una bimba molto piccola è teoricamente meno probabile che presenti un disturbo, appunto la cinetosi, che colpisce più di frequente bambini solitamente già grandicelli (diciamo in età scolare, per intenderci).

E parlando quindi di una bambina di soli 14 mesi, sarà anche più problematico attuare tutte quelle norme "preventive" che in genere si consigliano in chi soffre di questo fastidioso disturbo (no al digiuno, piccoli pasti asciutti digeribili ripetuti, nonché altri piccoli accorgimenti di natura comportamentale difficili da attuare a 14 mesi).

Ci si può limitare a non eccedere coi liquidi e con la quantità del pasto, preferendo magari alimenti poco acidi e comunque meglio, ove possibile, se solidi o semisolidi.

Da un punto di vista "farmacologico", poi, esistono farmaci che si possono assumere prima del viaggio (prima quindi che il disturbo si manifesti e non quando si è già presentato): vengono quindi consigliati quando il paziente soffre regolarmente di cinetosi in occasioni di viaggi o anche brevi spostamenti.

Il dimenidrinato, forse il più usato e conosciuto, un antistaminico, non può però essere usato prima dei due anni di età e, inoltre, si presenta in formulazioni non adatta a pazienti piccoli. Nel caso voleste somministrare un antistaminico ad azione simile e che trovate in sciroppo (direi che la dose di un cucchiaino da caffè prima di partire può essere sufficiente), vi suggerirei l'idrossizina, sempre un antistaminico di prima generazione (passa quindi la barriera emato-encefalica e dà sedazione), indicata già nei bambini da un anno di età.

15/9/2010

18/2/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Quali rimedi per il mal di mare?"

Soffre di vertigini
Le vertigini sono una falsa sensazione di rotazione del bambino o di ciò che lo circonda.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.
Mucoviscidosi o fibrosi cistica
La mucoviscidosi è una malattia caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni del pancreas e dei bronchi.
Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica