ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Metatarso varo

Le hanno fatto la diagnosi di metatarso varo quando aveva 5 mesi. Lo specialista ci ha prospettato l'intervento se il problema non si risolve.

a cura di: Dott. Antonio Andreacchio (ortopedico)

Vorrei chiedere un parere per quanto riguarda il problema diagnosticato a mia figlia: la diagnosi è di atteggiamento in adduzione del piede da metatarso varo. Il problema è che, per una serie di disguidi, siamo arrivati a questa diagnosi quando la bimba aveva già cinque mesi. Ci è stata prescritta della fisioterapia da fare due volte a settimana, docce ortopediche per la notte e, ora che cammina, scarpe con suola retta a biscotto. Lo specialista ci ha prospettato una operazione se nei prossimi mesi (la bimba ora ha 12 mesi) il problema non si risolve.

Il problema del metatarso varo è un problema che viene risolto molto facilmente se diagnosticato precocemente. La diagnosi, nel suo caso, mi sembra che sia stata fatta con un leggero ritardo e la terapia che è stata impostata varia nella sua efficacia a seconda della gravità del caso.

A mio parere, e a parere di coloro i quali hanno scritto molto in letteratura scientifica su questo argomento, tutori, docce e scarpe hanno poca efficacia a quest'età, quando cioè il bambino ha iniziato camminare, nel riuscire veramente a correggere la deformità.

Interventi chirurgici vanno riservati a coloro che presentano una grave deformità. Il mondo scientifico anglosassone è piuttosto indulgente nel trattamento di questa affezione in quanto la forma del piede lievemente a "fagiolo" finisce per non creare disturbi del cammino e disabilità.

E' ovvio che ogni paziente va valutato ed è proprio sull'entità del problema che viene formulata dal medico la più opportuna scelta terapeutica. L'unica certezza che mi sento di darle e che tutori, fisioterapia, calzature a biscotto etc. non hanno nessuna comprovata efficacia nel riuscire a dominare la deformità in un bambino che ha superato l'anno di vita e pertanto non lo sottoporrei a questo inutile sacrificio.

Su quella che è la scelta di procedere o meno ad una correzione chirurgica il consiglio è di far valutare il caso a chi ha esperienza di questa patologia in campo pediatrico.

5/4/2011

4/5/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Metatarso varo"

Metatarso varo
Il metatarso varo è un atteggiamento del piede in cui la parte anteriore (avampiede) piega internamente rispetto alla posteriore.
Metatarso varo
Il metatarso varo od addotto è un'alterazione posturale piuttosto frequente nel neonato e di cui ancora non si conosce la causa.
Piede varo
Il piede varo è un problema che si manifesta nei primi mesi di vita e tende ad aggravarsi nel tempo, se non è curato.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo